di F.C.

Uno dei più grandi trend culturali degli ultimi anni è stato senza dubbio quello dei serial tv statunitensi.
E anche da noi in Italia, spinta forse dalla diffusione delle tecnologie peer2peer, è diventata ormai normale l'abidudine di seguire un numero di serie televisive d'oltreoceano - chi più, chi meno. Cercando magari di stare al passo con la trasmissione negli states, per non sfigurare nei discorsi al baretto sotto casa. Dove una volta si parlava solo di un cross malamente fallito o dell'ultimo flirt di questo o quel principe, mentre ora si discute amabilmente del rapporto tra Jack e Kate di Lost, o se gli Heroes riusciranno mai a disfarsi di Sylar. Se l'anno scorso il famoso sciopero degli sceneggiatori ha rallentato molto la produzione e la trasmissione dei serial, la stagione appena iniziata promette una nuova accelerazione.

Tra le prime e più succose e sanguinolente novità c'è True Blood, incominciata proprio ieri 7 Settembre sulla HBO: una serie tratta dalla saga letteraria Southern Vampire Mysteries di Charlaine Harris, e riscritta per la tv dal mitico Alan Ball, creatore di Six feet under. La serie è ambientata in una spettrale e fangosa Louisiana in cui umani e vampiri cercano di convivere, aiutati dalla diffusione di un sangue sintetico giapponese chiamato proprio Tru:blood. La protagonista è la ex bambina prodigio Anna Paquin di Lezioni di piano, ora 26enne, nel ruolo della cameriera telepatica Sookie Stackhouse. Una serie che, nella tradizione HBO, non guarda in faccia a nessuno in quanto a sesso e violenza: e il bellissimo pilota promette scintille di sangue ed erotismo anche per il resto della stagione.

Ma non ci sono solo i vampiri di Alan Ball a illuminare questa nuova stagione seriale americana. Tra le vecchie conoscenze rispolverate per l'occasione troviamo il già chiacchieratissimo spin-off 90210, che è inziato il 2 settembre e che vede il ritorno a Beverly Hills di Shannen "Brenda Walsh" Doherty. E il 24 settembre incomincerà sulla NBC Knight rider, rifacimento della serie da noi nota come Supercar: il protagonista è infatti il figlio del leggendario Michael Knight intepretato da David Hasselhoff. La macchina parlante KITT questa volta è una Ford Shelby GT500KR.

Tra le idee più stimolanti in arrivo c'è Castle, che si vedrà sulla ABC solo nel 2009: il protagonista (intepretato dal Nathan Fillon di Firefly) è uno scrittore di gialli che viene ingaggiato dalla polizia di New York quando uno psicopatico comincia a compiere omicidi modellati proprio sui suoi romanzi. Ma il titolo più atteso è sicuramente Fringe, la nuova invenzione di JJ Abrams, il creatore di Lost. Definito una sorta di X-Files per i tempi che corrono, è una serie in cui agli alieni si è sostituita la "scienza di frangia", e la tentazione completamente umana di superare i limiti imposti dalla fisica tradizionale. Una serie che già fa parlare di sé da mesi, e che - a scanso di sorprese - continuerà a farlo per tutta la stagione.

Ecco il trailer di True Blood.