Arrivano i Coen campioni d'incassi negli USA e, all'apparenza, le altre distribuzioni sembrano voler cedere il passo, lasciando a Burn After Reading la conquista del boxoffice.  Ma a voler cercare bene le uscite di questo week-end nelle sale italiane riservano ottimi titoli e una buona scelta.


Burn After Reading
Il campione da battere in questo fine settimana cinematografico. Un cast d'eccezzione, da Brad Pitt a George Clooney, da John Malkovich a Tilda Swinton, per una commedia esplosiva, diretta dai fratelli più amati dalla critica, dal pubblico cinephiles e dai semplici appassionati. Insomma, stiamo parlando degli autori di Il grande Lebowski. Il film ha entusiasmato la critica e, per la prima volta nella loro storia, i Coen hanno conquistato la cima del boxoffice americano. Qui il trailer, qui il servizio di SKY Cine News, qui le gallery di Brad Pitt e George Clooney e qui le recensioni di Giovane Cinefilo e di Sono vivo e non ho più paura.

Il matrimonio di Lorna
A sfidare i fratelli Coen un'altra coppia di celebri fratelli cinematografici. I fratelli Dardenne tornano al grande schermo con Le silence de Lorna (diventato in Italia Il matrimonio). Il rigore della coppia belga (vincitori già di due Palme d'Oro a Cannes) racconta il mondo dei matrimoni combinati tra immigrati e cittadini belgi per ottenere la cittadinanza. un sottomondo criminale e crudele, raccontato in uno stile un po' diverso rispetto al quale i Dardenne ci avevano abituati. Meno movimenti di macchina, più scrittura, ma sempre lo stesso rigore etico e formale. Qui il parere di Sono vivo e non ho più paura

Billo
Si parla di emigrazione anche in Billo, dell'italiana Laura Muscardin, ma il film italiano preferisce il tono da commedia. La storia, vera, è quella di Thierno Thiam, immigrato dal Senegal e diviso tra l'amore verso la fidanzata lasciata in patria e la passione per una ragazza conosciuta in Italia. Billo secondo Zabriskie Point

Pa Ra Da
Storie vere anche in Pa Ra Da, film di Marco Pontecorvo, presentato con successo alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia. Siamo nella Romania degli anni '90, tra i bambini poveri che sopravvivono di espedienti alla periferia di Bucarest. Il film racconta del lavoro di una organizzazione che tenta di aiutare questi bambini attraverso l'uso di clown. Tema delicato e sul quale è facile scivolare. I pareri sono constrastanti, come potete leggere qui. Ci sono l'entusiasta, il critico e il convinto.

The Clone Wars
Il film di animazione di George Lucas che racconta il buco tra il secondo e il terzo episodio di Guerre Stellari. Oltre a riempire un buco nella continuity narrativa il film funge anche da prequel per una serie animata (forse attesa con più interesse di questo film) che andrà in onda su Cartoon Network. I pareri raccolti in rete non sembrano molto convinti. Ecco quelli di Sono vivo e non ho più paura e di Io e dodo. E se non vi basta SKY Cine News vi racconta del nuovo videogioco tratto da Star Wars.

Black Sheep
Se vi mancano gli splatter movie neozelandesi di Peter Jackson, Black Sheep potrebbe fare al caso vostro. Girato un paio di anni fa, ma in arrivo solo ora sugli schermi italiani, il film racconta dell'attacco di pecore mannare a poveri allevatori neozelandesi. Se il tema vi sembra strano vi ricordiamo che la Nuova Zelanda ha una popolazione ovina di sessanta milioni a fronte di quella umana che a stento raggiunge i 4 milioni. Il fatto che i neozelandesi si sentano assediati non va dunque preso alla leggera. Qui il parere, convinto, di Giovane Cinefilo.