di David Saltuari

Esce venerdì 29 maggio in oltre 400 copie Uomini che odiano le donne, il film di Niels Arden Oplev, tratto dall'omonimo romanzo di Stieg Larsson e fenomeno editoriale da otto milioni di copie vendute. Un thriller dal gusto tipicamente europeo (ne abbiamo già parlato qui), che racconta, attraverso le vicende di una famiglia industriale, gli aspetti più oscuri  della società svedese. Un mondo che, al di qua delle Alpi, tendiamo a considerare un piccolo paradiso, ma che in realtà nasconde al suo interno ben più di un segreto. Cliccando qui potete vedere il trailer e due clip del film.

Il regista, a Roma per presentare il film insieme alla protagonista Noomi Rapace e al produttore Soren Staermose ci tiene a sottolineare questo aspetto del suo film e dei romanzi di Larsson: "Nella storia di Stieg  credo fosse molto importante tenere conto del passato e della storia, anche dei rapporti della Svezia con quella che è stata la Germania nazista, e vedere come questi elementi influenzino i tempi moderni." Un film, come spiega fin troppo bene il titolo, che mette in luce come ancora oggi le donne siano costantemente vittime di soprusi e violenze da parte degli uomini ad ogni livello della società. Prosegue Oplev "la società moderna è crudele nei confronti delle donne; ho voluto, pertanto, accentuare il comportamento patriarcale di questi uomini al potere".

Il personaggio di Lisbeth Salander, interpretata da Noomi Rapace, è una donna che subisce soprusi. Ma, come dice la sua interprete, "lei non risponde come la maggior parte delle donne che subiscono violenza, ovvero chiudersi in se stesse e odiarsi, ma ribalta la cosa e si va a prendere la sua vendetta, e questo piace a molte donne e anche a molti uomini.
Personalmente  sono consapevole che quella di Lisbeth non sia la risposta giusta, penso che comunque l’importante sia reagire e trovare un modo per uscirne e sopravvivere."

Uomini che odiano le donne è una delle più grandi produzioni del cinema svedese. Quando vennero acquistati i diritti dei tre romanzi, il fenomeno editoriale non era ancora esploso, e così il produttore Soren Staermose si è trovato, d'improvviso, un blockbuster internazionale tra le mani. "Queste aspettattive" - dice il produttore - "ci hanno spinto ad investire più tempo e più soldi. Il mio impegno è stato quello di trovare tutti i fondi disponibili per far sì che Niels potesse sfruttare tutto il tempo necessario per fare un prodotto di qualità."

Uomini che odiano le donne è solo il primo film di una trilogia. La ragazza che giocava con il fuoco dovrebbe uscire per l'autunno del 2009, mentre La regina dei castelli di carta arriverà nella primavera del 2010. E per quanto riguarda invece il fantomatico quarto romanzo della serie? Dice Soren Staermose: "Sappiamo che la compagna di Larson e gli editori non sono intenzionati a pubblicare il quarto romanzo nonostante siano state scritte 300 pagine delle 400 previste."

Qui sotto un momento dell'incontro che si è svolto a Roma



Sei appassionato di cinema? Scopri come vincere un viaggio ad Hollywood e tanti fantastici premi.