Faccio troppe cose insieme. Se  stacco dal lavoro, vado a fare il corso di gemmologia che mi prende 18 ore al giorno. Per quattro settimane  studio. Se sono libera vado in Africa. Ho una bulimia da  lavoro".
Lo rivela Caterina Murino al settimanale Grazia, nel  numero in edicola domani, martedì 5 agosto.

Fidanzata da sette mesi, Caterina confida: "E' uno sportivo,  gioca a rugby" e svela il nome del compagno: "Si chiama Pierre  Rabadan, e' il compagno di squadra di due italiani, i fratelli  Bergamasco e Sergio Parisse".  E continua: "Lui vorrebbe tanto  un figlio, ma fino al 2011 non posso. Ho la tournee teatrale e  non posso rimanere incinta. Avrei dovuto averlo prima, e poi lo  avrei portato sul set, come fanno tante colleghe. Ora  aspetteremo".

L'attrice passa senza sosta da un progetto all'altro: "Ho  finito di girare Die, un thriller stile Seven. Sono una  detective senza trucco, vestita da uomo e lacerata dentro. Un  ruolo diverso da quelli che ho avuto finora".
E' stata  letterina ("Ma la tv non faceva per me, sorrido troppo poco"  ha detto) e Bond girl, ruolo che le ha dato visibilità internazionale, e confida: "Voi non avete mai visto nulla degli  altri miei film. L'anno scorso ne ho girati 13, ma nessuno li ha  distribuiti".

Quest' estate, aggiunge "devo studiare. Inizierò un film a  settembre, Comme le cinq doit de la main, un altro thriller con  Patrick Bruel, cantante e attore molto famoso in Francia. E una  pellicola indipendente americana a novembre".

Il prossimp gennaio debutterà a teatro in Italia con Dona Flor e i  suoi due mariti, con Pietro Sermonti e Paolo Calabrese ed e'  appena tornata da un viaggio in Africa dove ha girato due spot  per l'Amref ("Quando mi hanno chiesto di diventare  ambasciatrice, ero felicissima.   il piu' bel ruolo della mia  vita") che vedremo a Natale.

Guarda la fotogallery di Caterina Murino