di David Saltuari

Quali sono le persone più potenti del cinema italiano? Da ormai dieci anni a questa domanda rispondono il mensile Ciak e la rivista specializzata Box Office con la loro, ormai tradizionale, power list: la classifica con i 50 nomi che contano. Nata quasi gioco, sulla falsariga delle analoghe liste create ogni anno da Variety per l'industria di Hollywood, la classifica del mensile italiano è diventata un appuntamento fisso molto seguito. Pubblicata a ridosso della Mostra del Cinema di Venezia provoca spesso parecchie reazioni stizzite (o eccessi di autostima) sulla terrazza dell'Hotel Excelsior durante il Festival.

I primi tre posti sono saldamente occupati da un trio di distributori: Giampaolo Letta, amministratore delegato di Medusa, Aurelio e Luigi De Laurentiis della Filmauro e Caterina d'Amico e Paolo del Brocco di Rai Cinema. Nomi forse non molto noti al grande pubblico che affolla le sale, ma centrali nell'industria cinematografica italiana.

Al quarto posto (e, come ogni anno, primo tra gli attori) è Christian De Sica, mattatore di ogni Natale da vent'anni a questa parte. I vertici della powerlist possono anche cambiare, ma la supremazia di De Sica tra gli interpreti è ormai una tradizione difficile da scalzare. Lo segue, secondo tra gli attori e sesto in generale, Leonardo Pieraccioni. Medaglia di bronzo per Toni Servillo, terzo attore (nono in generale), che può contare sulla sua fama internazionale.

Tra i produttori spicca il quinto posto della Warner Italia (che quest'anno ha portato in sala titoli come Si puo' fare e Solo un padre) e la Cattleya (grazie a film come Diverso da chi e Questione di Cuore e alla serie Romanzo Criminale). L'unico regista puro che compare nella top ten è Gabriele Muccino, ottavo. Decimo posto per Riccardo Scamarcio che scavalca niente popò di meno che Carlo Verdone.

Tra le new entry si segnala l'astro nascente Luca Argentero che si piazza al ventiquattresimo posto e Ficarra e Picone che sono ventiduesimi. Preoccupante per il nostro cinema è il calo delle presenze femminili. Quest'anno solo tre attrici in classifica: Alba Rohrwacher (31' posto), Claudia Gerini (43') e Giovanna Mezzogiorno (45'), che mettono momentaneamente in ombra le dominatrici del passato, come Margherita Buy e Monica Bellucci.

La top ten
1) Giampaolo Leone
2) Aurelio e Luigi de Laurentiis
3) Caterina d'Amico e Paolo del Brocco
4) Christian De Sica
5) Warner Italia
6) Leonardo Pieraccioni
7) Cattleya
8) Gabriele Muccino
9) Toni Servillo
10) Riccardo Scamarcio