Il regista Roman  Polanski è stato arrestato al suo arrivo in Svizzera. Lo ha reso noto il Festival Cinematografico di Zurigo, nel cui ambito questa sera, 27 settembre 2009, avrebbe dovuto ritirare un  premio alla carriera. Con la sua presenza al Festival il regista avrebbe inoltre inaugurato una retrospettiva a lui dedicata nella stessa kermesse cinematografica. Il tributo al regista avrà comunque luogo, come riferiscono gli organizzatori: "Roman Polanski, uno dei più grandi registi dei nostri  tempi, avrebbe dovuto ricevere un premio alla carriera al Festival del Cinema di Zurigo -si legge nel comunicato diffuso  dall'organizzazione- ma è stato fermato dalla polizia all'aeroporto di Zurigo al suo arrivo. La sua detenzione è legata a una richiesta delle autorità degli Stati Uniti in seguito a un mandato d'arresto che risale al 1978. La direzione del festival ha appreso la notizia con costernazione e shock".

Polanski, che oggi ha 76 anni, era stato arrestato a Los Angeles nel 1977 in seguito alla denuncia dei genitori di una  ragazza di 13 anni con l'accusa di relazioni sessuali illegali. Un episodio avvenuto nella casa all'epoca di Jack Nicholson a Hollywood. Polanski si era difeso affermando che l'adolescente era consenziente e aveva precedenti esperienze  sessuali. Rimase tuttavia in prigione per poco più di un mese, ù ma prima della sentenza lasciò il Paese e si rifugiò in Europa. Attualmente è "in detenzione provvisoria in attesa di estradizione". Lo riferisce un portavoce del ministero della giustizia svizzero precisando che il regista può presentare un appello sulla decisione.

GUARDA IL SERVIZIO DI SKY TG24