di Francesco Chignola

Sono passati quasi trent'anni da quando uscì nelle sale Saranno famosi,  adesso arriva un remake firmato da Kevin Tancharoen, in sala dal 9 ottobre. Ma se il film di Alan Parker ha lasciato una traccia indelebile nel modo in cui vengono raccontate le storie di giovani studenti che sognano di diventare star (tra l'altro un genere molto in voga negli ultimi anni) da noi in Italia, più che il film, fu la serie televisiva da esso tratta a rappresentare i sogni di una generazione.

La serie Saranno famosi andò in onda negli Stati Uniti sulla NBC e sulla MGM dal 1982 al 1987, mentre in Italia venne trasmessa su Raidue tra il 1983 e il 1989. I due professori più importanti della scuola erano Lydia Grant e Benjamin Shorofsky. La prima era interpretata da Debbie Allen, ed era stata "promossa" da personaggio di contorno nel film a centrale nella serie, ma nella sua carriera non ha più avuto un ruolo altrettanto importante e riconoscibile, ma è stata giudice del talent show So You Think You Can Dance. Ed è tornata proprio in questo remake, stavolta a interpretare il preside della scuola.

Albert Hague invece, che interpretava il ruolo di Shorofsky, è purtroppo scomparso nel 2001 per un cancro all'età di 81 anni: compositore tedesco, era arrivato negli states per studiare nel 1939 e aveva combattuto anche nella Seconda Guerra Mondiale. Molti i suoi musical di successo a Broadway, mentre la sua carriera di attore, se si esclude una particina nel film d'animazione Space Jam, si fermò a Saranno famosi. Rimanendo nel corpo docenti, Carol Mayo Jenkins, che interpretava Elizabeth Sherwood, ora ha 71 anni: nonostante più di 100 episodi della serie, non ha avuto altri ruoli importanti in tv ed è inattiva dal 1995.

Passando agli studenti, il personaggio rimasto nella memoria per il pubblico italiano è sicuramente Leroy, presente sia nel film che nella serie: l'attore che lo interpretava, Gene Anthony Ray, originario di Harlem, è morto nel 2003 a causa di un infarto cerebrale. Aveva 41 anni ed era sieropositivo, proprio in Italia aveva trovato spazio in alcune trasmissioni, ma la sua carriera era a uno stallo dalla metà degli anni '80 a causa dell'insuccesso del musical Carrie. Anche l'italo-americano Carlo Imperato, originario del Bronx e oggi 46enne, dopo aver interpretato il ruolo di Danny Amatullo non ha trovato altri ruoli all'altezza, limitandosi a qualche minuscolo ruolo e a un cameo nella prima stagione di Friends.

Lee Curreri intepretava il ruolo di Bruno Martelli, ma la sua carriera di attore finì con la serie: negli anni successivi si concentrò sulla carriera di compositore. Più complessa la carriera di Valerie Landsburg, ovvero Doris Schwartz (ruolo che nel film era di Maureen Teefy), ma si tratta perlopiù di apparizioni in singoli episodi di serie come La signora in giallo, Beverly Hills 90210 e Nip/Tuck. Ora ha 51 anni, e nel 2001 ha pubblicato anche un album. Infine Erica Gimpel, che nella serie aveva sostituito Irene Cara nel ruolo di Coco Hernandez: forse la sua è stata la carriera recitativa migliore del gruppo, con molti episodi di serie come Profiler, ER, Boston Legal e Veronica Mars, anche se mai da protagonista.

Lo scorso dicembre la trasmissione britannica Bring Back propose uno speciale in cui venivano rintracciati tutti i membri sopravvissuti della serie. Su Youtube è possibile trovare tutto lo speciale diviso in parti. Ecco l'inizio:



Ed ecco la sigla originale della serie:



Guarda anche
"Fame": se son Rosie fioriranno
Anche Fame ha il suo...Mario
Aspettando Fame: vi presentiamo Denise