Il direttore Gubitosi: "Giffoni? Una grande storia italiana nata in Campania"

Inserire immagine
Claudio Gubitosi  
Getty Images

Tutto è pronto per il Giffoni Film Festival 2017 con i suoi 4 ospiti internazionali e gli oltre 50 italiani. Ma il cuore di Giffoni pulsa 365 giorni l'anno e nel 2020 spegnerà cinquanta candeline: "E sarà il vero inizio", ci anticipa in questa intervista i l direttore Claudio Gubitosi

(@BassoFabrizio)

Una grande storia italiana nata in Campania. Ecco cosa è il Giffoni Film Festival, la creatura inventata 47 anni fa da Claudio Gubitosi, direttore del Festival, in quell'insenatura di mondo a pochi chilometri da Salerno dove nascevano poche idee e tante nocciole. Oggi il rapporto è molto più equilibrato. Tutto è pronto per Giffoni 2017 che si arricchisce di una nuova perla, la MultiMedia Valley. Parliamo di quello che Giffoni è in Campania, in Italia e nel mondo col suo direttore.

Direttore, Giffoni top anche nel 2017.
Mantiene lo standard.
In più abbiamo finalmente la MultiMedia Valley.
E' il segno distintivo di questa edizone. Che si aggiunge al Festival e al Giffoni Experience.
La MMV vi amplia il respiro.
Ci assicura una accoglienza maggiore. Nel 2018 possiamo ambire a circa 6mila giurati.
Una crescita costante.
I concetti di qualità e internazionalità ci permettono di registrare dallo scorso primo settembre 2016 al 30 settembre 2017 ben 520 attività. Siamo stati in 32 nazioni e mi sono fermato perché la volontà è forte ma a volte mancano le forze.
Cosa è per lei Giffoni?
Un punto di arrivo e di partenza che si dedica ai giovani e che ogni anno distruggo per poi ricostruire.
Cosa le dicono i "suoi" ragazzi?
Non hanno bisogno di un Festival che duri dieci giorni. Noi siamo operativi sempre, Giffoni è la prova che una idea locale può diventare globale come fatto culturale e geografico.
Siete materia di studio.
Stiamo per diventare un case history.
Ovvero?
L'Università di Salerno e la George Whasington University redigeranno un libro sulla nostra storia e sarà disponibile in tutte le università del mondo.
Giffoni ombelico del mondo?
La nostra è una area particolarmente stimolante. Siamo stati anche un motore economico. Negli ultimi anni qui sono nati oltre 70 Bed&Breakfast.
Come definisce il suo Festival?
Una macchina di stupore e meraviglia che quest'anno accoglie quattro star internazionali e oltre 50 talenti italiani. Le nostre masterclass, i meet and greet, gli incontri sul sociale, a partire da quello sul cyber bullismo, richiamano gente e attenzione.
Le istituzioni sono molto vicine al GFF.
Sono spesso nostre ospiti, vengono per farsi conoscere dai più giovani. Ribadisco Giffoni è un luogo di sviluppo di idee, siamo prima l'incubatrice delle idee e poi le divulghiamo.
Anticipazioni sul 2018?
Le dico solo due numeri: 25 start up e 300 giovani a lavorare qui.
Orgoglioso, eh?
Un orgoglio italiano e la soddisfazione di avere ribaltato un paese.
Lei incontra i giovani in ogni momento dell'anno.
Ne vedo a migliaia. La mia storia è la prova di cosa si puo inventare dal niente. Porto loro fiducia del si può.
E quando le chiedono di Giffoni cosa dice loro?
Che è una grande storia italiana nata in Campania. Recentemente ne ho incontrato seicento, avessi potuto li avrei portati tutti a lavorare con me.
Alla faccia di chi dice che i giovani sono bamboccioni.
Dobbiamo ascoltarli di più. Dobbiamo prestare orecchie ai loro sogni e ai loro drammi.
A proposito di sogni, il suo continua a chiamarsi Sophia Loren: mai venuta a Giffoni.
Confido di riuscirci. Non dico entro quando e non cecessariamente per il Festival. Giffoni è un laboratorio sempre aperto. Nel 2020 celebriamo i 50 anni: io dico che queste prime cinquanta edizioni sono le prove di nascita generali. Giffoni debutterà nel 2020.
Fosse protagonista di un incontro, da chi vorrebbe essere intervistato pubblicamente?
Domenico De Masi, un sociologo. E' un uomo che guarda.  O da Vincenzo Boccia, un amico che è presidente di Confindustria. Noi siamo industria.
Altamente tecnologica.
Ne abbiamo tanta tecnologia ma restiamo una culla di filosofia umanistica.
Ultima domanda: Giffoni è...
...Un fantastico anti-depressivo.