Fotogallery 07 settembre 2017

Mektoub, My Love: Canto uno, un viaggio nell'anima e Red Carpet bagnato

  • Lou Luttiau, Mel Einda El Asfour, Hafsia Herzi, Ophelie Bau e Alexia Chardard  
    @Getty Images
  • Mel Einda El Asfour
    @Getty Images
  • Lou Luttiau
    @Getty Images
  • Fan sotto la pioggia
    @Getty Images
  • Ginevra Elkann
    @Getty Images
  • Ophelie Bau
    @Getty Images
  • Giglia Marra
    @Getty Images
  • Sarah Duque
    @Getty Images
  • Hafsia Herzi
    @Getty Images
  • Shain Boumedine e Salim Kechiouche
    @Getty Images
  • Mel Einda El Asfour
    @Getty Images
  • Il regista Abdellatif Kechiche
    @Getty Images
  • Michela Andreozzi
    @Getty Images
  • Pioggia sul Red Carpet
    @Getty Images
  • Hafsia Herzi
    @Getty Images
  • Shain Boumedine e Ophelie Bau
    @Getty Images
  • Lou Luttiau
    @Getty Images
  • Mel Einda El Asfour
    @Getty Images
  • Alexia Chardard
    @Getty Images
  • Lou Luttiau
    @Getty Images
/

Applausi per Abdellatif Kechiche e il suo Mektoub, My Love: Canto uno (prossimamente distribuito da Vision ). Tre ore che scivolano via come le emozioni del Red Carpet . Parte con una scena di sesso tra Toni e Ophelie, il film, spiata dal cugino di lui, Amin, aspirante sceneggiatore appena rientrato da Parigi per trascorrere le vacanze con la famiglia nella sua cittadina di origine, Sète, nel Sud della Francia. Siamo nel 1994: Amin sarà l'osservatore dei piccoli movimenti dell'anima di questa comunitá di amici, tra lunghe serate passate al ristorante tunisino, a bere e danzare sfrenatamente nei bar e nelle discoteche locali, dei bagni di sole sulle spiaggie francesi