Festival Venezia 2017: Una famiglia in Mostra

Inserire immagine
Micaela Ramazzotti in una scena tratta dal film Una Famiglia

Presentato il secondo film italiano in concorso alla Mostra del cinema. Si tratta Una famiglia diretto da Sebastiano Riso e interpretato da Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel

La trama del film

Vincent è nato cinquant’anni fa vicino a Parigi ma ha tagliato ogni legame con le sue radici. Maria, più giovane di quindici anni, è cresciuta a Ostia, ma non vede più la sua famiglia. Insieme formano una coppia che non sembra aver bisogno di nessuno e conducono un’esistenza appartata nella Roma indolente e distratta dei giorni nostri, culla ideale per chi vuole vivere lontano da sguardi indiscreti. In più, Vincent e Maria sono bravi a mimetizzarsi: quando prendono il metrò, si siedono vicini, teneramente abbracciati. A volte cenano al ristorante, più interessati a guardarsi negli occhi che al cibo nei loro piatti. Quando tornano a casa, fanno l’amore con la passione degli inizi, in un appartamento di periferia che lei ha arredato con cura. Eppure, a uno sguardo più attento, quella quotidianità dall’apparenza così normale lascia trapelare un terribile progetto di vita portato avanti da lui con lucida determinazione e da lei accettato in virtù di un amore senza condizioni. Un progetto che prevedere di aiutare coppie che non possono avere figli. Arrivata a quella che il suo istinto le dice essere l’ultima gravidanza, Maria decide che è giunto il momento di formare una sua vera famiglia. La scelta si porta dietro una conseguenza inevitabile: la ribellione di Maria a Vincent, l’uomo della sua vita.

Le dichiarazioni del regista 

Volevamo essere piu' vicini possibili alla realta', una tragedia di cui non si parla e che persino neghiamo. Invece, anche se non ci sono numeri precisi sulle vendite dei bambini, i casi anche in Italia esistono. La storia che racconto nel film proviene da tutto questo: casi veri, intercettazioni, documenti processuali e anche per questo lo ritengo necessario per far emergere il tema" dice Sebastiano Riso di Una Famiglia, il secondo film italiano nel concorso di Venezia 74 in programma oggi, interpretato da Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel, in sala con Bim il 28 settembre.

Riso, che racconta le dinamiche tragiche di sottomissione e di plagio psicologico all'interno di una coppia che vende illegalmente i propri figli a persone che non possono averli, racconta dei colloqui e degli spunti avuti dal procuratore Raffaella Capasso che ha seguito alcuni quasi quando lavorava alla procura di Santa Maria Capua Vetere. "Casi - spiega - con elementi comuni come il medico che fa da intermediario". Cercare "alternative illegali per diventare genitori nell'ambito di una legge che lo vieta a tutti quelli che non rientrano nella categoria delle coppie eterosessuali" e' una realta.

 Le dichiarazioni di Micaela Ramazzotti

 Non mi piacciono le eroine”: Micaela Ramazzotti spiega così la decisione di interpretare madri disperate, come l’ultima, Maria, protagonista di Una Famiglia presentato oggi al Festival del cinema di Venezia, bloccata in un rapporto malato e in un progetto criminale: è manipolata psicologicamente, ma è anche complice di Vincenzo, che vende i loro figli alle coppie benestanti che non possono averne.

 
Più sono disgraziate e più le voglio fare, ho voglia di difenderle - un altro personaggio sui generis era stato quello interpretato in La Pazza Gioia - È come se il cinema mi desse l’opportunità di difendere chi da solo non ci riesce. È vero che le faccio sempre più disperate ma questa la volevo fare a tutti i costi. È una madre bambina, madre a malapena di se stessa. Va in giro con questo giubbino di lana cotta e si abbraccia per farsi forza, proteggersi, tenere in grembo quel bambino che mai avuto e mai avrà”.
 
E poi ancora: “Maria è schiava di un progetto che non ha deciso e che comunque ha accettato ma allo stesso tempo lei sta meditando un progetto di ribellione, emancipazione verso il mondo. Ci sarà una presa di coscienza, una fioritura una rinascita. Non mi piacciono le eroine”.

 

Inserire immagine
Micaela Ramazzotti al photocall di Una famiglia
@Kikapress