Mahershala Ali - Nomination Miglior Attore Non Protagonista

Inserire immagine

Mahershala Ali interpreta Chiron in “Moonlight”, il film del regista Barry Jenkins che racconta la vita di un afroamericano gay a Miami.

Mahershala Ali è fra i protagonisti di “Moonlight”, il nuovo film del regista Barry Jenkins, in cui veste i panni di Chiron, afroamericano e gay, da adulto. La sua intensa interpretazione gli ha regalato una nomination agli Oscar 2017 come Miglior attore non protagonista.

 

Mahershala Ali: dalle serie tv a “Moonlight”

Vero nome Mahershalalhashbaz Gilmore (significa “rapida preda”), Mahershala Ali ha iniziato la sua carriera d’attore grazie alle serie tv. Nel 2001 è stato scritturato per il ruolo di Trey Sanders in “Crossing Jordan”, in seguito ha preso parte ad altri show di grande successo fra cui “4400” e “House of Cards- Gli intrighi del potere”.

 

Nel frattempo ha iniziato a recitare anche al cinema, accanto a Brad Pitt in “Il curioso caso di Benjamin Button” nel 2008, “Hunger Games: Il canto della rivolta- Parte 1” nel 2014, “Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 2” nel 2015 e “Free State of Jones”, arrivato nelle sale cinematografiche nel 2016.

 

Mahershala Ali, “Moonlight” e gli Oscar

Gli Oscar 2016 erano stati protagonisti di un’accesa polemica, scatenata da Jada Pinkett, Will Smith, Spike Lee e altri attori che avevano scelto di disertare l’evento accusando l’Academy di aver discriminato gli attori di colore nelle edizioni 2015 e 2016. La rabbia degli artisti era sfociata nella famosa campagna #OscarsSoWhite che aveva invaso i social. Quest’anno però la situazione sembra essere cambiata. Sono diversi infatti gli attori di colore candidati agli Oscar. Fra questi troviamo appunto Mahershala Ali, candidato al premio per il miglior attore non protagonista proprio come Viola Davis, Naomie Harris e Octavia Spencer. 

“Ci saranno così tanti ragazzini che avranno l’opportunità di vedere un afroamericano sullo schermo e vorranno essere come lui – ha spiegato l’attore, parlando del ruolo delle persone di colore al cinema. - Non abbiamo avuto queste chance in passato. Devono essere inclusi. Quando ero un ragazzo era una menzogna dirci che si poteva essere tutto ciò che si voleva. Perché sapevamo che non potevamo diventare presidente. Questa generazione ha il Presidente Obama, per noi è un supereroe. E penso che sia una situazione difficile per le persone da accettare e capire realmente”.

 

Mahershala Ali superfavorito agli Oscar per “Moonlight”

Fra gli artisti in gara per il titolo di miglior attore protagonista troviamo Denzel Washington per il suo ruolo in "Barriere (Fences)", mentre Ruth Negga, Emma Stone e Natalie Portman concorrono per il titolo di migliore attrice. "Le cose cambiano perché le nostre voci sono più forti insieme” ha scritto su Twitter April Reign, che aveva lanciato l'hashtag #OscarsSoWhite nel 2015.

 

Fra i favoriti per l’Oscar c’è proprio lui Mahershala Ali, che si è battuto come gli altri attori di colore perché la diversità avesse spazio agli Academy Awards. I suoi riconoscimenti d’altronde sono innumerevoli e ha trionfato al New York Film Critic Awards, ma anche al Washington Film Critics Awards,  all’Atlanta Film Critics Society Awards e al Los Angeles Film Critics Award. Mahershala è stato premiato anche al Boston On Line Film Critics Awards, al New York On Line Film Critics Awards, al San Francisco Film Critics Award e al Toronto Film Critics Association.

 

I riconoscimenti sono arrivati pure al Critics’ Choice Movie Awards, al Boston Society of Film Critics, al Dallas-Fort Worth Film Critics, al Chicago Film Critics Awards, al Phoenix Critics Circle Award, al St. Louis Film Critics Award e all’Indiana Film Journalists Award. L’attore che interpreta Chiron in “Moonlight”, ha vinto un premio all’Utah Film Critics Award, al Southeastern Film Critics Award, al Vancouver Film Critics Award, all’Austin Film Critics Award, all’Oklahoma Film Critics Award e all’Online Film Critics Society Award. Infine riconoscimenti importanti sono arrivati al Central Ohio Film Critics Award, al Seattle Film Critics Award, al National Society of Film Critics Award, al Georgia Film Critics Award, al Denver Film Critics Award, all’Iowa Film Critics Award  e infine al SAG Award.

 

 

Mahershala Ali fra “Moonlight” e l’impegno politico

Il protagonista di “Moonlight” si è apertamente schierato contro il Muslin Ban del neo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.  Dopo la sua vittoria agli Screen Actor Guild Awards, Mahershala Ali ha dichiarato: “Sono musulmano. E queste differenze non sono importanti”. Una sfida a Trump che con il suo decreto ha vietato ai cittadini di diversi paesi, in particolare musulmani, di entrare negli Stati Uniti per i prossimi 90 giorni, sospendendo inoltre l’ammissione per tutti i rifugiati, negando di fatto l’accoglienza a persone provenienti da Iran, Iraq, Siria, Libia, Sudan, Somalia e Yemen.

 

“Io sono musulmano. – ha detto fiero Mahershala Ali - Ci sono due modi per vedere le differenze tra l’una e l’altra persona. C’è l’opportunità di vedere la tessitura dell’individuo, e quindi ciò che ci rende unici; poi c’è la possibilità di fargli la guerra solo perché questa persona è diversa da me. Questo a me non piace, lascio a voi la battaglia”.