Moonlight: trama, trailer, cast e recensione

Inserire immagine

Barry Jenkins racconta la storia di Chiron, omosessuale e nero, di Miami. In “Moonlight” ripercorre la sua vita dall’infanzia, all’adolescenza, sino all’età adulta, alla scoperta di se stesso.

Diretto e sceneggiato dal regista Barry Jenkins, “Moonlight” è tratto da una storia di Tarrell Alvin McCraney e rivela il percorso di formazione di Chiron, nero e gay, attraverso due decenni della sua vita a Miami. 

Moonlight: trama

Chiron è un afroamericano che vive a Miami, in un quartiere segnato da violenza e droga. “Moonlight” racconta la sua vita attraverso tre periodi: infanzia, adolescenza ed età adulta. Attraverso queste fasi della sua esistenza Chiron tenterà di trovare se stesso, scoprendo la sua sessualità e l’amore per il suo migliore amico.

Moonlight: trailer

Moonlight: cast

A interpretare il protagonista Chiron, che in “Moonlight” vive le tre diverse fasi della sua vita (infanzia, adolescenza, età adulta), sono tre attori differenti. Chiron a dieci anni è interpretato da Alex R. HibbertAshton Sanders veste invece i panni del protagonista a sedici anni, mentre Trevante Rhodes, interpreta un Chiron ormai adulto. Nel cast anche Mahershala Ali, che è Juan, lo spacciatore che diventa l’angelo custode del protagonista, e Janelle Monáe, nei panni di Teresa, la sua fidanzata. Troviamo inoltre Naomie Harris, Jaden Piner e Jharrel Jerome.

Moonlight: locandina

Moonlight: data di uscita in Italia

Presentato in anteprima mondiale al Telluride Film Festival e al Toronto International Film Festival, “Moonlight” è uscito nelle sale cinematografiche americane il 21 ottobre. In Italia è stato scelto come film d'apertura nel corso della Festa del Cinema di Roma 2016 e distribuito nelle sale italiane il 16 febbraio 2017.

Moonlight: colonna sonora

La colonna sonora di “Moonlight” è composta da 18 brani, realizzati da Nicholas Britell, già premio Oscar. A questi si aggiungono pezzi non originali firmati da Goodie Mob, Boris Gardiner, Barbara Lewis e Mozart.

Moonlight: recensioni e critica

Il “Messaggero” ha definito “Moonlight” un “racconto di formazione aspro e poetico, con un cast meraviglioso”. Il “Chicago Sun Times” l’ha trovato “magnifico e sorprendente”, mentre per il “New York Times” è “il miglior film dell’anno”. Peter Debruge su “Variety” ha scritto: “È un’opera d’arte socialmente consapevole, tanto essenziale quanto profonda”. Infine “Rolling Stones” nella sua recensione l’ha indicato come “un’opera straordinaria e indimenticabile”.

Moonlight: premi

Considerato uno dei film rivelazione di quest’anno, “Moonlight” ha trionfato ai Golden Globes 2017, vincendo il premio come Miglior film drammatico. Il protagonista Mahershala Ali, si è invece aggiudicato il titolo di Miglior attore non protagonista ai London Critics Circle Film Awards 2017. Per gli Oscar il film ha ricevuto ben otto nomination: Miglior film, Miglior regia a Barry Jenkins, Miglior attore non protagonista a Mahershala Ali, Miglior attrice non protagonista a Naomie Harris, Miglior sceneggiatura non originale a Barry Jenkins, Miglior fotografia a James Laxton, Miglior colonna sonora originale a Nicholas Britell e Miglior montaggio a Joi McMillon.

Moonlight: curiosità

L’idea di “Moonlight” è nata in realtà in una scuola di recitazione, come parte di un progetto di classe del famoso drammaturgo Tarell Alvin McCraney. Nel 2013 la produttrice Adele Romanski e il regista Barry Jenkins hanno iniziato ad interessarsi al progetto. McCraney e Jenkins hanno molto in comune: sono cresciuti nella stessa città e hanno frequentato le stesse scuole, ma soprattutto hanno condiviso esperienze simili, in particolare in riferimento alla dipendenza dalle droghe delle loro madri.