Documentari da Oscar, ecco i migliori di sempre

Inserire immagine

Politica, razzismo, discriminazione: mentre fra i titoli candidati per la categoria spicca l’italiano Fuocoammare di Gianfranco Rosi, ricordiamo i migliori docu-film che negli anni hanno conquistato l’ambita statuetta. GUARDA I VIDEO

 

di Floriana Ferrando

È un film italiano uno dei titoli favoriti per la vittoria nella categoria Documentari in questa 89esima edizione degli Academy Awards, la cui cerimonia sarà trasmessa in esclusiva su Sky domenica 26 febbraio. Ma quali altri docu-flm sono in lizza per il premio?

Docu-Oscar - Il premio Oscar al Miglior film documentario viene assegnato dagli anni Quaranta a pellicole che affrontano temi di carattere sociale e politico, dal bullismo alla discriminazione razziale e di genere. È il caso di Fuocoammare di Gianfranco Rosi, film già premiato al Festival di Berlino che racconta gli sbarchi dei migranti a Lampedusa. Nella stessa categoria dovrà competere con O.J: Made in America, film basato sulla parabola del giocatore di football di O.J. Simpson con le sue 7 ore e 47 minuti di girato, più di qualsiasi altro film mai candidato ad un Oscar.



Fra i film candidati, ma su cui i bookmaker non puntano molto, ci sono Life, Animated che affronta il tema dell’autismo, e il film ispirato alla vita dello scrittore nero James Baldwin I Am Not Your Negro. A destare l’interesse della giuria degli Academy Awards, poi, potrebbe essere anche 13th, film incentrato sul razzismo all’interno del sistema carcerario statunitense (il titolo si ispira proprio al 13esimo emendamento della Costituzione americana in abolizione della schiavitù) e diretto dalla stessa regista di Selma – La strada per la libertà, Ava DuVernay.



I premiati di ieri – Il premio nella categoria Documentari è stato inaugurato con un ex aequo a quattro nomi: era il 1943 quando sono state assegnate ben quattro statuette a pari merito a La battaglia delle Midway di John Ford, Kokoda Front Line! di Ken G. Hall, La disfatta delle truppe tedesche vicino a Mosca e il più noto Preludio alla guerra condotto dalla regia di Frank Capra e Anatole Litvak. Fra i titoli più conosciuti spiccano Woodstock - Tre giorni di pace, amore e musica con la regia di Michael Wadleigh premiato nel 1971 e, venti anni più tardi, American Dream di Cathy Caplan e Thomas Haneke.



Poi c’è stata la storia di Anna Frank raccontata da Jon Blair nel 1996 con Anne Frank Remembered, mentre negli ultimi anni Duemila è stata l’emergenza climatica a farla da padrona, dalla natura del regista Luc Jacquet con la sua Marcia dei pinguini al problema del surriscaldamento globale affrontato da Davis Guggenheim in Una scomoda verità. E ancora, ecco l’altro grande tema del nostro secolo: la recessione economica che colpisce i più grandi paesi mondiali, soggetto affrontato da Inside Job di Charles Ferguson premiato come miglior Documentario nel 2011.



Lo scorso anno a portare a casa la statuetta è stato Amy, film diretto da Asif Kapadia che regala uno sguardo a tutto tondo sulla vita della cantante Amy Winehouse, stroncata giovanissima da una vita di eccessi.