Trama HIROSHIMA MON AMOUR | Sky Cinema
HIROSHIMA MON AMOUR

HIROSHIMA MON AMOUR

91'1959Drammatico
  • Regia: Alain Resnais
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Francia
  • Durata: 91'
  • Data di uscita: 1959
  • Titolo originale: HIROSHIMA MON AMOUR

Cast:

Emmanuelle Riva, Bernard Fresson, Eiji Okada

Trama:

Una donna francese e un uomo giapponese hanno trascorso la notte insieme. Lei è a Hiroshima per girare un film come attrice. Sono entrambi felicemente sposati e lei deve ripartire il giorno successivo per la Francia. Tra di loro e il momento in cui dovranno lasciarsi si insinua il passato recente della città devastata dalla bomba atomica americana e quello prossimo di lei giovane ragazza di Nevers che si innamora di un tedesco nella Francia occupata.
Alain Resnais, al suo esordio nel lungometraggio, realizza un'opera destinata a lasciare un segno imperituro nella storia del cinema. Il regista aveva realizzato un rigoroso e penetrante documentario sull'Olocausto (Notte e nebbia) e la produzione gli chiese di replicare l'esperienza riflettendo sul nucleare. Ma Resnais non era e non è mai stato regista disposto a ripetersi e quindi, dopo più di tre mesi di preparazione con un intellettuale conoscitore profondo della cultura nipponica, opta per un film di finzione. Cerca quindi la collaborazione di una scrittrice per giungere a una sceneggiatura che, come avrà modo di dichiarare nel corso di un'intervista, gli consenta di "opporre il lato enorme, mostruoso, fantastico di Hiroshima, alla minuscola piccola storia di Nevers, che ci è rinviata attraverso Hiroshima, come la luce fioca di una candela è rinviata ingrandita e rovesciata dalla lente". Superate le ipotesi Françoise Sagan e Simone de Beauvoir sarà Marguerite Duras a fornirgli quella struttura che mescola la memoria con la cancellazione del passato, Hiroshima e Nevers, la coppia che si è momentaneamente formata e quanto non è possibile eliminare dalle reciproche vite, la Storia e le storie. E' il funzionamento della mente che si fonde con il sentimento e l'istinto quello che percorre un'opera il cui autore sperimenta, nel senso più pieno ed efficace del termine, le potenzialità del cinema. Il rapporto tra le immagini e il suono, ad esempio, è spesso spiazzante. I suoni dell'Hiroshima dell'"oggi" vengono sovrapposti alle inquadrature sulla Nevers dell'occupazione nazista per fornire la sensazione dell'irrompere del ricordo all'interno dell'attuale relazione ma può accadere anche il contrario. Così come al tempo e allo spazio viene negata la linearità in favore di una continuità tra l'ieri e l'oggi, tra Nevers e Hiroshima. Di fronte a un amore 'proibito' e all'indicibile violenza del massacro nucleare Resnais voleva porre lo spettatore dinanzi a quella che definiva "la grande contraddizione (che) consiste nel fatto che abbiamo il dovere e la volontà di ricordarci, ma siamo obbligati a dimenticare per vivere". Ci è riuscito con una profondità e uno stile inarrivabili.

Mostra altro