Trama MOSQUITA Y MARI | Sky Cinema
MOSQUITA Y MARI

MOSQUITA Y MARI

85'2012Drammatico
Guarda il trailer
  • Regia: Aurora Guerrero
  • Genere: Drammatico
  • Paese: USA
  • Durata: 85'
  • Data di uscita: 2012
  • Titolo originale: MOSQUITA Y MARI

Cast:

Joaquin Garrido, Omar Leyva, Tonita Castro, Paul Alayo

Trama:

Yolanda è una quindicenne messicana che vive con i genitori a Los Angeles. Il suo quartiere è ad altissimo tasso di connazionali e anche a scuola è quasi impossibile vedere un americano, persino tra gli insegnanti. Yolanda è una dolce ragazzina studiosa e diligente: i suoi voti sono sempre i più alti e non ha distrazioni. Questo prima dell'arrivo di una nuova vicina, la coetanea Mari, appena trasferitasi nel quartiere con la madre e la sorella minore. Yolanda se la ritrova compagna di banco e si offre di aiutarla a mettersi in pari con lo studio. Ma la ragazza è molto diversa da lei: ribelle e con i modi da dura, pensa che l'università sia una perdita di tempo e ogni tanto ruba al supermercato. Dopo uno scontro iniziale, tra le due adolescenti nasce una forte amicizia.
A metà tra racconto di formazione e indagine sociologica, il film diretto da Aurora Guerrero volge lo sguardo ai sogni, alle difficoltà quotidiane, alle paure e alle speranze della folta comunità messicana immigrata negli Stati Uniti. Specchio dei tanti connazionali che sono riusciti a ottenere il permesso di soggiorno nella patria dell'American Dream a forza di un duro lavoro non qualificato, le famiglie delle due giovani protagoniste conducono una vita di stenti e sacrifici, investendo quel poco che hanno sull'educazione dei figli. Figli che a scuola parlano un perfetto inglese, mentre a casa usano solo lo spagnolo e con gli amici si scatenano a suon di ska sudamericano. Immigrati di seconda generazione su cui i genitori ripongono tutte le loro speranze di riscatto sociale. Ben si comprende, allora, come questi ragazzi siano investiti di molte più responsabilità rispetto ai coetanei, spesso viziati, connazionali.
Yolanda asseconda i genitori e li rendi orgogliosi attaccando i propri compiti dai voti alti sul frigorifero di casa. Non sa ancora se da grande farà il medico o l'avvocato, ma è certa che frequenterà il college e tutte le sue energie sono tese al raggiungimento di questo prestigioso obiettivo. Niente distrazioni con i ragazzi, che neppure le interessano. E al minimo segno di cedimento nello studio i genitori, che pure la trattano con grande dolcezza, sono lì pronti a ricordarle la povertà da cui sono fuggiti. Per la sua nuova amica Mari le cose sono più complicate: a casa non c'è un papà che porta i soldi e la mamma non ce la fa a pagare l'affitto da sola. Mari deve darle una mano con lavoretti come il volantinaggio, ma questo comporta rinunce, a volte spiacevoli compromessi e poca voglia di studiare. Il legame, sempre più forte, che le due ragazze stringeranno le condurrà a imparare l'una dall'altra, mantenendo inalterate le reciproche differenze: Yolanda saprà essere più leggera e si godrà un po' di più la sua età, Mari comprenderà il valore dello studio e l'importanza di investire sul futuro.
Quella diretta dalla Guerrero è soprattutto la storia di una bella amicizia, che a un certo punto si ammanta di passione e gelosie, rivelando i primi battiti del cuore e portando un sano scompiglio nelle vite di queste due ragazze e delle loro famiglie. Una storia raccontata con delicatezza, lievità e una sensibilità squisitamente femminile, che approfondisce con grazia e candore le psicologie delle protagoniste, rese con efficacia da due ottime e giovanissime interpreti. Una storia diretta da una regista che, in tempi di crisi e mancanza di prospettive per i giovani, riesce a guardare al futuro con ottimismo e speranza, forse perché portatrice sana di quello sguardo vergine tipico di chi è consapevole della condizione da cui proviene, ma ha davanti a sé tutto un mondo affascinante da scoprire.

Mostra altro