Trama MOEBIUS | Sky Cinema
MOEBIUS

MOEBIUS

90'2013Drammatico
Guarda il trailer
  • Regia: Kim Ki-Duk
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Corea del sud
  • Durata: 90'
  • Data di uscita: 2013
  • Titolo originale: MOEBIUS

Cast:

Cho Jae-Hyun, Young Ju Seo, Eun-woo Lee

Trama:

Dopo l'ennesimo tradimento del marito la moglie tenta di evirarlo senza successo. Finisce invece per evirare il figlio e poi fuggire, scatenando una reazione a catena incontrollabile. Il padre tenta in ogni modo di restituire una sessualità al ragazzo, nel frattempo vittima di ogni genere di abuso da parte dei coetanei, fino a far trapiantare il proprio pene nel corpo del figlio. Ma la madre intanto ritorna a casa e la tragedia familiare si aggrava ulteriormente.
Un titolo destinato a dividere e a far discutere, presentato come tale e servito su un piatto d'argento per le polemiche in patria (dove il film ha dovuto affrontare tre gradi di giudizio censorio e uscirà con numerosi tagli) e alla Mostra del Cinema di Venezia. Il Leone d'Oro di Pieta non ha tolto a Kim Ki-duk la voglia di provocare con un cinema sempre più disturbante, ma Moebius è un film che ama farsi odiare, in cui il gioco è troppo scoperto. Kim mette in scena una vicenda chiaramente grottesca in maniera ancor più grottesca, senza dialoghi e consegnandosi volontariamente e ripetutamente all'ironia più crassa (la sequenza del pene calpestato dai camion in corsa o le ricerche su Google in merito al trapianto di genitali).
Osservando Moebius in chiave di esperimento si può quasi apprezzare la volontà irridente nascosta in uno slapstick dell'eccesso, affidato al digitale grezzo e disadorno di una videocamera, che rimanda al porno comico nipponico del roman porno o del pinku eiga, quando non al trash di casa Troma. Non è lecito sapere se Kim Ki-duk conosca la Troma, è lecito interrogarsi sulla reale volontà di girare una farsa grandguignol o di proseguire - come probabile - un discorso autoriale, strapazzando così violentemente la propria poetica. Come in un'autoparodia fino alle estreme conseguenze o un tentativo di tornare sui temi portanti del proprio cinema - mutismo del protagonista maschile, tragedia greca e complesso di Edipo, natura bestiale dell'uomo, sessualità violenta, misoginia - spogliandoli di ogni orpello stilistico (sceneggiatura compresa) e di qualsiasi forma di autocontrollo. Il desiderio sessuale conduce inesorabilmente al dolore, il nucleo familiare alla tragedia, il maschile e il femminino regolano la propria relazione secondo leggi ancestrali brutali che precorrono qualunque forma di civiltà. Ed è in questo senso che il sottotesto misticheggiante si insinua, riprendendo in chiave farsesca il tema di Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera sulla necessità di purificarsi spiritualmente per ottenere la pace interiore; come se il percorso di redenzione passasse necessariamente da un'evirazione, sia essa simbolica o concreta. E il ricordo non può che andare ad Arirang - il film della cesura tra le due fasi principali della carriera di Kim Ki-duk, sempre più importante per comprendere l'autore - e alle lacrime che rigano il viso del regista mentre rivede Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera, piangendo lo smarrimento della propria musa. Forse ci prendeva in giro già allora, di sicuro si sta divertendo un mondo adesso, alle sue e alle nostre spalle, nella più beffarda delle rivincite contro il mondo del cinema.

Mostra altro