Trama MUSCLE SHOALS - DOVE NASCONO LE LEGGENDE | Sky Cinema
MUSCLE SHOALS - DOVE NASCONO LE LEGGENDE

MUSCLE SHOALS - DOVE NASCONO LE LEGGENDE

111'2013Documentario
Guarda il trailer
  • Regia: Greg Camalier
  • Genere: Documentario
  • Paese: USA
  • Durata: 111'
  • Data di uscita: 2013
  • Titolo originale: MUSCLE SHOALS - DOVE NASCONO LE LEGGENDE

Cast:

Stephen Badger, Aretha Franklin, Jerry Carrigan, Alicia Keys, Jerry Phillips, Barry Beckett, Jerry Wexler, Bono, Jesse Boyce, Bryan Owings, Jimmy Cliff, Candi Staton, John Gifford III, Clarence Carter, John Paul White, Clayton Ivey, Jimmy Johnson

Trama:

Attraverso le parole di Rick Hall e di ospiti prestigiosi come Mick Jagger, Aretha Franklin, Bono e Steve Winwood Gregg Camalier indaga sul segreto del cosiddetto Muscle Shoals Sound, impronta "sudista" che ha caratterizzato pagine meravigliose del Grande Libro di rock e rhythm and blues.
Muscle Shoals, Alabama è una sigla che per l'intenditore di musica rock rappresenta inevitabilmente un déjà vu. Senza magari ricordarsi del disco esatto in cui la si è letta, è automatico ricordare le sensazioni legate a quel momento e all'ascolto dei dischi registrati laggiù, tra cui abbondano i capolavori. Come When a Man Loves a Woman di Percy Sledge, Freebird dei Lynyrd Skynyrd o Wild Horses dei Rolling Stones, solo per citare tre esempi di meraviglie concepite nel profondo Alabama.
È comprensibile che, servendosi di una location magica, di musiche indimenticabili e di personaggi dal carisma debordante, Greg Camalier finisca per essere ammalato di gigantismo, benché al debutto assoluto come regista. La materia, d'altronde, è sufficientemente ricca da giustificare le due ore scarse di documentario e la scarsa severità di un montaggio che avrebbe potuto agire in maniera più incisiva su qualche ripetizione o prolissità di troppo.
Potere della musica e insieme croce e delizia del documentario musicale, che deve costantemente combattere la tendenza a lasciarsi trascinare dal valore dell'oggetto stesso della narrazione, dimenticando la propria valenza artistica. Camalier prova a inseguire un doppio percorso più personale, evidentemente consapevole di questo rischio. Da un lato sviluppa l'indagine sul mistero di Muscle Shoals e su quale sia il segreto che ha portato a incidere brani magnifici tra gli alberi e le paludi di un'oasi dell'Alabama, lontanissima dalla furia distruttrice dell'efficientismo metropolitano. Dall'altro lascia la parola a Rick Hall, fondatore e anima degli studi di registrazione della Fame Recordings, nonché demiurgo del Muscle Shoals Sound, che racconta la sua tragica biografia, non disdegnando di interloquire con la macchina da presa per raccontare la sua Weltanschaung (fondamentale in questo senso seguire fino all'ultimo frame il documentario, ossia fino all'epilogo in cui Hall sale in cattedra). E soffermandosi sulla (dolorosa) separazione tra lui e gli "Swampers", improbabili musicisti bianchi dall'aria sedentaria - citati nel testo di Sweet Home Alabama dai Lynyrd Skynyrd - tramutatisi in ghost players di alcune delle pagine più eccitanti della black music di ogni tempo, come Respect di Aretha Franklin o il succitato capolavoro di Percy Sledge. Ma il meglio Camalier lo riserva per il ricordo di Duane Allman, musicista straordinario prematuramente scomparso, forse il maggiore interprete di sempre della slide guitar. L'estratto di Hey Jude nella versione di Wilson Pickett, graziata dalla mano di Allman, riserva una scarica di brividi indelebile, di cui Muscle Shoals - Dove nascono le leggende sa avvalersi con astuzia. Buone vibrazioni che rappresentano una ragione più che sufficiente per consigliare la visione di Muscle Shoals - Dove nascono le leggende a chiunque, ma soprattutto a chi ancora attende di entrare in contatto con il misterioso sound delle paludi più remote dell'Alabama.

Mostra altro