Trama THE DAUGHTER | Sky Cinema
THE DAUGHTER

THE DAUGHTER

2012Drammatico
Guarda il trailer
  • Regia: Thanos Anastopoulos
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Grecia, Italia
  • Durata:
  • Data di uscita: 2012
  • Titolo originale: THE DAUGHTER

Cast:

Ieronymos Kaletsanos, Theodora Tzimou

Trama:

Quattordicenne greca, Myrto vive sulla sua pelle le conseguenze della crisi finanziaria che ha investito la sua terra. Se la madre abita con un nuovo compagno, il padre, falegname, sembra essersi dissolto nel nulla perché impossibilitato a far fronte ai propri debiti. La giovane decide allora di vendicarsi a modo suo, rapendo Aggelos, il figlio di un collega del padre che crede colpevole della bancarotta della falegnameria.
Un'aggressività continua e soffocata permea il terzo lungometraggio di Thanos Anastopoulos, regista greco che condivide con altri colleghi della sua stessa generazione il desiderio di raccontare il disastro socio-economico del proprio Paese. Differentemente da altri titoli assimilabili, non solo riferibili all'area greca, La figlia sceglie però la mediazione tra la denuncia e il racconto a suspense, quello di un rapimento che inizia come un gioco di cui non si può prevedere l'esito. Film di barriere e ostacoli, di riprese con una camera a spalla sempre attenta ai dettagli, mette in contrapposizione il mondo dei genitori con quello dei figli, classicamente schiacciati dalle "colpe" dei padri.
È così che la dinamica tra rapitore e rapito che si dovrebbe instaurare tra Myrto e Aggelos è, da subito, leggibile come la convivenza costretta tra due vittime di una medesima situazione sociale di cui non capiscono né le strutture né, tanto meno, le cause: proprio per questo la giovane cerca sul dizionario il significato delle parole "debito" e "responsabilità" così come il bambino non fa che disegnare mostri, forme sotto le quali si palesano ai suoi occhi gli adulti e il circostante tutto. Per ragioni esclusivamente anagrafiche è la stessa realtà a sfuggire alla comprensione dei due, chiusi dentro a quella falegnameria in dismissione da cui nascono le loro tragedie famigliari; proprio questo luogo, in cui Myrto ha imparato a conoscere le diverse tipologie di legno guardando il padre al lavoro, rappresenta il centro tematico della pellicola, cioè l'esigenza di mostrare la disperazione di chi non ha più la possibilità di andare avanti, di costruire, tavola su tavola e pezzo su pezzo, il proprio futuro.
Con un finale dagli echi quasi biblici, Anastopoulos delinea il ritratto di una società di vinti e senza reali colpevoli in un lavoro sciolto e diretto su cui pesa però una colonna sonora poco attenta quando non inopportuna. Zaino in spalla e sguardo deciso, la giovane Savina Alimani è un'ottima protagonista. Presentato nella sezione Forum della Berlinale 2013.

Mostra altro