Trama SON OF A GUN | Sky Cinema
SON OF A GUN

SON OF A GUN

108'2014Azione
Guarda il trailer
  • Regia: Julius Avery
  • Genere: Azione
  • Paese: USA
  • Durata: 108'
  • Data di uscita: 2014
  • Titolo originale: SON OF A GUN

Cast:

Brenton Thwaites, Ewan McGregor, Rossa Caputo, Alicia Vikander, Matt Nable, Damon Herriman, Nash Edgerton, Jacek Koman, Eddie Baroo, Tom Budge, David Partridge, Isaac Money, Warwick Sadler, Rick Tonna, Tammie West, Jesse McGinn, Mick Innes, Ben Weirheim, Tanya Jade, Craig Sparrowhawk

Trama:

Australia. Il diciannovenne JR viene incarcerato per un reato minore ma ha subito modo di comprendere la durezza della vita in reclusione. Viene quindi protetto dal noto criminale Brendan Lynch che non agisce per generosità. Pretende infatti che, quando JR uscirà a breve, gli organizzi l'evasione. Il ragazzo esegue e l'impresa riesce ma questo non sarà che l'inizio del suo coinvolgimento nelle attività di Brendan.
Julius Avery al debutto nel lungometraggio con una sua sceneggiatura ha strutturato un cast di tutto rilievo avendo quale interprete protagonista Ewan McGregor affiancato da Brenton Thwaites (all'epoca reduce da Maleficent e da The Giver - Il mondo di Jonas) nonché, nell'unico ruolo femminile, Alicia Vikander che era stata Kitty in Anna Karenina ed era in attesa di diventare Ava in Ex Machina e Gerda in The Danish Girl. Questo gli ha permesso di portare sullo schermo una storia in gran parte deja vu innervandola però di linfa nuova. JR ha la stessa età di Malik El Djebena di Il profeta di Audiard e, come lui, in carcere si ritrova sotto l'ala di un boss. L'impianto di partenza è simile a questo e ad altri film anche se poi gli sviluppi sono diversi.
Ciò che più conta però sono le dinamiche che vengono a crearsi tra l'impacciato JR e uno dei criminali più noti dell'Australia. A partire da una prigione tanto moderna dal punto di vista architettonico quanto 'antica' nelle dinamiche di sopraffazione, JR, incapace di non reagire dinanzi a un torto anche se subìto da altri, inizia il suo percorso di crescita nel mondo della malavita conservando però un'innocenza di fondo. Costretto a partecipare ad una rapina ad alto rischio (oro prelevato direttamente da una miniera) saprà come cavarsela mentre ha più difficoltà nelle dinamiche amorose. Perché l'incontro con Tasha, giovane femmina da esibire da parte di un boss molto crudele, cambia il suo modo di guardare al futuro. Thwaites finisce così con il rubare la scena a McGregor il quale può sfoderare il suo lato oscuro come interprete solo in poche e ben definite scene ricoprendo il ruolo di padre vicario in un mondo in cui i padri veri sanno lasciare come ricordo solo un annegamento recuperato in extremis e una cicatrice sul volto.

Mostra altro