Trama NO BODY IS PERFECT | Sky Cinema
NO BODY IS PERFECT

NO BODY IS PERFECT

82'2006Documentario
Guarda il trailer
  • Regia: Raphaël Sibilla
  • Genere: Documentario
  • Paese: Francia
  • Durata: 82'
  • Data di uscita: 2006
  • Titolo originale: NO BODY IS PERFECT

Cast:

Kevin Aviance, Matty Jankowski, Lukas Zpira

Trama:

In giro per il mondo, dal Giappone all'Olanda, dal Brasile agli Stati Uniti, alla scoperta delle abitudini sessuali più eccessive, dallo scambio di coppia al bondage, e delle più incredibili pratiche connesse col corpo, come scarnificazioni, amputazioni e piercing estremi: storie di vita vissuta e confessioni di chi usa la propria fisicità per forzare i limiti imposti così come per esplorare il legame, strettissimo, tra dolore e piacere.
Risultato di tre anni di riprese, No Body is Perfect sembra essere strettamente imparentato con i vecchi mondo movie nonostante - affermano a chiare lettere gli autori - sia composto soltanto da riprese di fatti in cui i protagonisti hanno agito senza alcuna pressione o coercizione. Eppure la vicinanza col sotto-genere italiano resta, non perché i panorami umani mostrati siano inventati ad hoc come succedeva con la serie inaugurata da Jacopetti, ma per scelte di impaginazione per niente lontane da quel tipo di sensazionalismo.
Accompagnato dalle parole di Matty Jankowski, fondatore dell'Archivio del corpo di New York, un museo dedicato alla storia della decorazione e della modifica del corpo, lo spettatore sbircia dentro a pratiche forti o fortissime attraverso lo spioncino preposto da un regista al quale non preme più di tanto una reale distanza con l'oggetto del proprio interesse. A mancare, inoltre, sembra essere un progetto di fondo, un'idea capace di giustificare un campionario di sequenze ad effetto così eterogeneo: ad esempio, in che modo le abitudini sessuali, anche le meno comuni, si legano al desiderio di modificare il proprio corpo? L'intento antropologico di Raphaël Sibilla, magari inizialmente interessato a lavorare su una corporalità disgiunta dalla persona, decade nel momento in cui le carte di un libertinaggio fino a se stesso, per niente legato né alla modifica della fisicità né all'incontro tra sofferenza e godimento, si mischiano al resto. Che il sesso sia ancora usato per attrarre la curiosità morbosa di chi guarda?
Come in una discesa verso l'abiezione, dopotutto ogni nuovo frammento alza il livello del non mostrabile, No Body is Perfect sceglie di concentrarsi sul concetto di perversione per raccontare aspetti non detti eppure non così rari, ma non azzecca né la misura del racconto, né il centro dell'operazione. La sensazione, alla fine, è quella di aver assistito ad un documentario incapace di dire qualcosa di serio sull'argomento perché privo di un disegno unitario. Va da sé che sia destinato a spettatori adulti.

Mostra altro