Trama GISAKU | Sky Cinema
GISAKU

GISAKU

81'2005Animazione
  • Regia: Baltasar Pedrosa
  • Genere: Animazione
  • Paese: Spagna
  • Durata: 81'
  • Data di uscita: 2005
  • Titolo originale: GISAKU

Cast:

Eduard Farelo, Molly Malcolm, Luis Posada, Núria Trifol, Alfonso Vallés

Trama:

Risvegliatosi nella Spagna del 2005 dopo aver dormito per secoli, il samurai Yohei deve affrontare la sua sfida più importante: difendere la Porta magica che collega il mondo ad altre dimensioni dagli attacchi del demone Gorka. Con l'aiuto del piccolo Riki, di un uomo lince e di una ambiziosa e geniale scienziata, dovrà proteggere l'umanità dalle minacce di Gorka, che nei secoli è diventato un potente uomo d'affari, e del suo servitore Gisaku.
Un film d'animazione ibrido, all'insegna dell'unione tra sensibilità spagnola e giapponese, adatto specialmente ad un pubblico di bambini o di spettatori che non badano troppo al sottile. A livello di stile, la classica forma nipponica trova una buona accordatura con il sentire occidentale, sia sufficiente pensare ai continui cambi di ambientazione che sembrano guardare ad un'ottica di promozione finanche turistica. Ma qualcosa stona nel progredire della storia, da un certo punto di vista, anche troppo macchinosa, specialmente nella prima parte. Sebbene il protagonista sia il samurai Yohei, infatti, ogni personaggio ha un compito da portare a termine per suo conto - l'uomo lince vuole tornare ad essere accettato dalla sua specie, il piccolo Riki vuole viaggiare nel tempo per evitare l'incidente in cui sono morti i suoi genitori - con la conseguenza di rendere piuttosto sfilacciata la sceneggiatura nel suo disegno globale.
Com'è abitudine della Filmax International, società di produzione e distribuzione spagnola attiva in più generi, gli argomenti in gioco sono tanti, ma un'aria di complessiva imitazione, tanto nei tratti, quanto nel gusto grafico d'insieme, frena l'entusiasmo. Il paragone con i colossi americani, di fatto, risulta improponibile, per i motivi elencati, ma una certa sensibilità per il fattore culturale, per la Spagna, restituita tra vecchio, il riferimento all'opera di Cervantes, la tradizione e la cucina, immettono Gisaku in una nicchia soltanto sua. Alcune sequenze spettacolari di combattimento, un po' troppo statica di contro quella finale, e alcune note ironiche, specialmente nel ritratto dell'ambiziosa e insopportabile scienziata, bilanciano in parte i difetti strutturali.
I disegni dei personaggi, ancora una volta all'insegna del sincretismo tra Oriente e Occidente, possono anche divertire, ma non si segnalano certo per originalità. Dopo aver diretto alcuni episodi delle serie Tre gemelle e una strega e La strega annoiata, Gisaku segna l'esordio nella regia di lungometraggio di Baltasar Pedrosa.

Mostra altro