Trama A NAPOLI NON PIOVE MAI | Sky Cinema
A NAPOLI NON PIOVE MAI

A NAPOLI NON PIOVE MAI

90'2015Commedia
Guarda il trailer
  • Regia: Sergio Assisi
  • Genere: Commedia
  • Paese: Italia
  • Durata: 90'
  • Data di uscita: 2015
  • Titolo originale: A NAPOLI NON PIOVE MAI

Cast:

Sergio Assisi, Ernesto Lama, Valentina Corti [II], Nunzia Schiano, Giuseppe Cantore, Lucio Caizzi, Francesco Paolantoni, Sergio Solli, Benedetto Casillo, Magdalena Grochowska, Antonella Morea, Eliana Miglio, Clotilde Sabatino, Gaetano Amato, Massimo Andrei, Giancarlo Ratti, Laura Schettino, Antonella Romano, Adelmo Togliani, Susy Del Giudice, Domenico Sgariglia

Trama:

Barnaba è un quasi quarantenne disoccupato che vive ancora con mamma e papà e va alla ricerca di un fantomatico bancomat erogatore di banconote anche a chi, come lui, ha un credito perennemente esaurito. Jacopo, ex compagno di scuola di Barnaba, è stato abbandonato in un cassonetto alla nascita e lasciato dalla fidanzata all'altare: ora alterna le sue giornate fra un lavoro ingrato all'anagrafe e innumerevoli maldestri tentativi di suicidio. Sonia è una neolaureata in arte e un'aspirante restauratrice che soffre della sindrome di Stendhal, e dunque sviene davanti alle opere che dovrebbe rimettere in sesto. Quando Sonia, dal Nord Italia, si trasferisce a Napoli con l'incarico di porre riparo a un San Sebastiano danneggiato presso una chiesa di quartiere le strade dei tre si incrociano, così come i loro destini. Il quarto personaggio è la città di Napoli, in bilico fra archetipo e stereotipo, popolata da un'umanità colorita che fa da controcanto alle vicende dei protagonisti.
Sergio Assisi, attore di cinema ma soprattutto di fiction televisive, esordisce con un lungometraggio da lui scritto, diretto e interpretato. Niente di più rischioso, per un esordiente, che fare tutto da solo, e andare contro al pregiudizio verso i volti della tv che tentano il triplo salto mortale al cinema. Ma Assisi ha il buon senso di circondarsi di ottimi professionisti a cominciare dagli attori, da Ernesto Lama - vera rivelazione del film - nei panni di Jacopo a Nunzia Schiano in quelli della perpetua della chiesa a Francesco Paolantoni nel ruolo di un pompiere convocato per sventare i tentativi di suicidio di Jacopo. Anche la scelta di Valentina Corti, volto familiare ai telespettatori, si rivela azzeccata, e va a nutrire uno degli aspetti vincenti del film: la leggerezza divertita che regala una grazia particolare ad una storia naif.
Assisi infonde nel suo esordio entusiasmo, allegria e una genuina passione per Napoli e per la scuola comica napoletana, denunciando apertamente il suo debito di gratitudine verso tutto il teatro partenopeo e il cabaret locale, da Massimo Troisi ad Alessandro Siani, con cui ha una certa somiglianza (ma maggiore eleganza e bonomia). La sua attenzione al dettaglio è evidente nelle scelte di montaggio (firmato da Daniele Cantalupo), nella cura della fotografia (di Claudio Marceddu) e dello schema cromatico, fino al commento sonoro, che include musiche originali e sonorità jazz ad opera di Louis Siciliano Aluei.
Ci sono ancora molte ingenuità nell'opera prima di Assisi, dalla voce fuori campo che annuncia solo storia di Barnaba e poi sparisce al ritmo narrativo che fatica a trovare il suo swing - ma poi lo trova, ed è questo che conta: o, come direbbe Barnaba, che "è tutto un fatto". A Napoli non piove mai ha una bella energia narrativa, una gioiosa esuberanza visiva e una pulizia formale che è pulizia di intenti. Assisi e i suoi personaggi si fanno voler bene perché agiscono "di cuore": non è poco, in quest'epoca di commedie di plastica.

Mostra altro