Trama IL SENTIERO DELLA FELICITÀ | Sky Cinema
IL SENTIERO DELLA FELICITÀ

IL SENTIERO DELLA FELICITÀ

87'2014Documentario
Guarda il trailer
  • Regia: Paola di Florio, Lisa Leeman
  • Genere: Documentario
  • Paese: USA
  • Durata: 87'
  • Data di uscita: 2014
  • Titolo originale: IL SENTIERO DELLA FELICITÀ

Cast:

George Harrison, Anupam Kher, Russell Simmons

Trama:

La vita e il messaggio dello swami Paramahansa Yogananda (1893 - 1952), portavoce della tradizione yogica in occidente e autore del best seller Autobiografia di uno Yogi. L'infanzia nel continente indiano, la morte della madre, il decennio di apprendimento nell'eremo del maestro Sri Yukteswar, l'approdo a Boston e la sua prima relazione 'La scienza della religione', il trasferimento a Los Angeles e la fondazione del Self-Realization Fellowship, le conferenze itineranti e il successo, le calunnie della stampa statunitense, il ritorno in India e il contatto con Gandhi, la morte del suo guru, l'ultimo addio al termine di un discorso ufficiale.
«Non è facile fare un film su un santo», mettono le mani avanti le registe Paola di Florio e Lisa Leeman. Ancor più difficile, se di un santo si parla, o meglio di un santone indiano dagli occhi vitrei e il volto femmineo, astenersi dall'agiografia. Realizzato su commissione della SRF, il documentario prodotto da Peter Rader funziona a stento come opera divulgativa. A poco servono i materiali di repertorio, le dichiarazioni dei professori di Harvard, le lodi di adepti illustri come Ravi Shankar e George Harrison, iniziato dallo stesso padrino della world music all'opera di Yogananda (questi, così come il suo mentore Yukteswar, furono significativamente immortalati entrambi nella copertina di Sgt. Pepper).
A non pagare è la qualità della messa in scena: se risulta discutibile la scelta di affidare la voce del guru all'interpretazione della star di Bollywood Anupam Kher, non meno fittizie riescono le ricostruzioni di ambienti e personaggi, commentate da una regia spesso illustrativa. Ne risente il valore documentale del progetto, che risulta posticcio anche in ragione dell'esiguo apporto filologico. La coppia di registe, entrambe praticanti di Hatha Yoga, chiede allo spettatore di accettare senza il beneficio del dubbio credenze parascientifiche come quelle secondo cui il Nostro sarebbe stato in grado di atterrare sei uomini con l'energia concentrata nell'addome, arrestare le pulsazioni del muscolo cardiaco, trasformare le cellule cerebrali per mezzo del solo sguardo. Il rischio è che invece della storia si racconti la leggenda o il mito, ed è un fatto che se si accusasse una simile narrazione di essere favolistica il film non avrebbe gli strumenti per difendersi.
Una fiaba tramandata da Yogananda col nome di 'Il santo e il serpente' racconta di un villaggio minacciato dal velenoso animale, solito uccidere i più piccoli con le sue fauci mortali. Disperati, gli abitanti del villaggio decidono di rivolgersi al santo per fermare la carneficina. In virtù del suo potere, il santo richiama il serpente fuori dal nido e gli comanda di non mordere i suoi amici. Ma quando al termine del pellegrinaggio di un anno il santo ritorna presso la roccia dove vive l'animale, questi giace a terra moribondo. Da quando hanno scoperto che sono innocuo, rantola il serpente, i bambini del villaggio mi hanno ferito ogni volta che ho abbandonato la tana in cerca di cibo. Sciocco, lo rimprovera il santo, ti ho detto di non mordere, ma perché non hai sibilato? Così Il sentiero della felicità, biopic senza mordente in cui l'esistenza di un mistico indiano e precettore spirituale diventa un'esperienza canonica o, peggio, già canonizzata.

Mostra altro