Trama THE CONJURING - IL CASO ENFIELD | Sky Cinema
THE CONJURING - IL CASO ENFIELD

THE CONJURING - IL CASO ENFIELD

133'2016Horror
Guarda il trailer
  • Regia: James Wan
  • Genere: Horror
  • Paese: USA
  • Durata: 133'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: THE CONJURING - IL CASO ENFIELD

Cast:

Patrick Wilson, Vera Farmiga, Madison Wolfe, Frances O'Connor, Lauren Esposito, Benjamin Haigh, Patrick McAuley, Simon McBurney, Franka Potente, Bob Adrian, Robin Atkin Downes, Simon Delaney, Shannon Kook, Vera Farmiga, Patrick Wilson, Frances O'Connor, Shannon Kook, Adrien Ryans, Maria Doyle Kennedy, Simon McBurney, Simon Delaney, Lauren Esposito, Jennifer Collins, Maria Doyle Kennedy, Bonnie Aarons, Javier Botet, Steve Coulter, Lander Otaola, Abhi Sinha, Chris Royds, Sterling Jerins, Daniel Wolfe, Annie Young, Elliot Joseph, Debora Weston, Cory English, Joseph Bishara, Emily Tasker, Kate Cook, Carol Been, Holly Hayes, Lance C. Fuller, Jennifer Collins, Thomas Harrison

Trama:

1977. Durante una seduta spiritica la medium Lorraine Warren prova a entrare in contatto con l'autore della carneficina di Amityville per conoscere le ragioni del suo gesto, ma sul suo percorso soprannaturale imbatte in un demone che assume le sembianze di una suora. Intanto a Enfield, in Gran Bretagna, la famiglia Hodgson, in gravi ristrettezze economiche, vive in una casa in cui si susseguono eventi inspiegabili. La piccola Janet è la più sensibile verso queste presenze, che sembrano rivendicare la proprietà della casa minacciando gli attuali inquilini.
Destinata a divenire la più consistente franchise in campo horror degli ultimi anni, dopo uno spinoff così di successo da generare a sua volta un sequel, The Conjuring giunge all'atteso secondo capitolo. Protagonisti nuovamente i Warren e una casa infestata, nella libera ricostruzione del caso realmente esistito di Einfeld, l'Amityville britannica, uno dei principali casi dei tempi recenti per interesse parapsicologico.
James Wan non teme di ricorrere a ripetizioni e, nell'economia di una serie così strutturata, la cosa ha un senso. Al di là delle evidenti somiglianze sul piano narrativo, The Conjuring - Il caso Enfield diverge in molti punti rispetto al primo episodio. Dove L'evocazione - The Conjuring puntava sopratutto ai picchi orrorifici, mescolando influenze anni Settanta a nuove tecniche audiovideo di spavento, il sequel preferisce lavorare sulla costante inquietudine e provare a riflettere sulle regole del gioco, anziché applicarle nuovamente alla lettera.
I punti in cui The Conjuring - Il caso Enfield non eccelle e non intende eccellere - originalità della trama, accuratezza dell'ambientazione - sono chiaramente ritenuti minori da Wan, fino a rendere scene come quelle sui Warren in America, prima del loro viaggio in UK, ai limiti della goffaggine. O il ricorso a "London Calling" dei Clash, per introdurre la realtà degli Hodgson, uno dei più ovvi e inutilmente chiassosi utilizzi di una colonna sonora che la storia recente ricordi.
A Wan interessa soprattutto giocare con la macchina da presa - instancabile, svolazzante e ubiqua - sul canovaccio più usurato, per cercare un nuovo punto di vista e una nuova forma di sensazione orrorifica. Sebbene gli incubi della lanterna magica, dell'uomo "storto" o di quella che pare una possessione demoniaca ricordino innumerevoli predecessori, la tecnica con cui vengono riproposti riesce, in parte, a infondere loro nuova vita. Fatta eccezione per qualche scivolone nel digitale, Wan si mantiene in equilibrio sul confine del non visibile: "vedere" e accettare una verità soprannaturale diventano una cosa sola, come esemplificato dalla magistrale sequenza in cui Janet sembra posseduta dall'anziano Bill ma la macchina da presa resta su Warren e sul mutamento della sua espressione, anziché sondare l'ignoto.
Peccato che un esito prevedibile e una prolissità ingiustificabile vanifichino buona parte degli sforzi della regia, restituendo al termine di The Conjuring - Il caso Enfield una sensazione di affaticamento da accumulo di segni anziché di autentico terrore o inquietudine. Ma la serie tiene, il pubblico ha quello che vuole e si parla già di uno spinoff dedicato al nuovo villain.

Mostra altro