Trama GIMME DANGER | Sky Cinema
GIMME DANGER

GIMME DANGER

108'2016Documentario
Guarda il trailer
  • Regia: Jim Jarmusch
  • Genere: Documentario
  • Paese: USA
  • Durata: 108'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: GIMME DANGER

Cast:

Iggy Pop, Ron Asheton, Scott Asheton, Dave Alexander, Jim Ostenberg, James Williamson, Steve Mackay, Mike Watt, Kathy Asheton, Danny Fields

Trama:

1973: dopo tre album incisi in poco meno di un lustro (The Stooges, Fun House e Raw Power), un'esperienza devastante di live e una dipendenza da stupefacenti che ne compromise le performance, la band statunitense The Stooges interruppe il proprio percorso, evitata come la peste dalle case discografiche per le scarse vendite e per un performer scandaloso, esibizionista, rettiliano: Iggy Pop. La loro importanza di band sperimentatrice, per il sound ipnotico, sporco, disturbante, emergerà gradualmente negli anni. Considerati "spazzatura" diventeranno oro nell'era iconoclastica del punk: testi ai minimi termini, ripetizione di pochi accordi base, esecuzione approssimativa, programmatica sgradevolezza.
Del quartetto iniziale, composto dai fratelli Ron e Scott Asheton (chitarra e batteria), da Dave Alexander (basso) e dal cantante Iggy Pop (all'anagrafe Jim Osterberg), sopravvive solo quest'ultimo. Hanno fatto parte della band anche i bassisti Zeke Zetter e Jimmy Recca, i chitarristi James Williamson, Bill Cheatham e Tornado Turner, gli occasionali tastieristi Bob Sheff e Scott Thurston e il sassofonista Steve Mackay. Nella formazione attuale, ricomposta nel 2003, militano, oltre a Iggy Pop, James Williamson (chitarra), Scott Thurston (tastiere), Toby Damnit (batteria).

Dopo le esperienze come attore in Dead Man (1995) e Coffee & Cigarettes (2003), Iggy Pop si affida di nuovo nelle mani di Jarmusch, perché ne conosce le logiche anti-major e sa che non confezionerà un film stereotipato. Infatti a Gimme Danger, fuori Concorso al Festival di Cannes 2016, non interessa l'operazione compilativa dell'immaginario legato all'"Iguana" né alimentarne il maledettismo, ma dare il senso della coesione della band, ricollocarla nel contesto storico e culturale in cui si è formata e ha operato. Per questo restano volutamente fuori campo la carriera solista di Iggy Pop, il suo rapporto con David Bowie, produttore del terzo album degli Stooges, e i Velvet Underground (vedi meglio Velvet Goldmine, dove a Iggy era ispirato il personaggio immaginario di Curt Wild, interpretato da Ewan McGregor). E la sua protratta tossicodipendenza.
Certo, i cenni a eroina, marijuana e LSD non mancano, così come le hit del gruppo come "T.V. Eye", "I Wanna Be Your Dog", "No Fun", "Search and Destroy", e la stessa canzone del titolo, sono ben ribadite, grazie al prezioso e cospicuo recupero di materiali, anche inediti, in arrivo dalla base di fan e ad un raffinato montaggio musicale. E anche l'invenzione dello stage diving ha un suo piccolo, doveroso spazio. Ma Jarmusch punta a rendere giusto merito all'originalità del quartetto, alla carica eversiva e all'attitudine anticonformista che costituisce l'impulso primigenio del rock. Allo stesso tempo, soprattutto dalle parole di Iggy, che si presta con rilassato egocentrismo a una lunga intervista a più riprese, emerge un quadro storico spesso mitizzato e poco compreso a fondo. E con esso anche la dichiarata inconciliabilità tra la naiveté del gruppo, che si apprende a Ann Arbor, Michigan, praticava la condivisione dei beni («eravamo dei veri comunisti») e l'intuizione dell'industria dell'intrattenimento, che intravide un business nella controcultura. Una distanza ben evidenziata dalla strategia d'immagine del producer che consigliò Iggy (che aspirava al ruolo cinematografico di Charles Manson) di interpretare Peter Pan.

Il vero plus di Gimme Danger è il saper dare sostanza alla pratica del fare musica: dall'infatuazione di Iggy, poi condivisa con i compagni, per il blues, alla libertà di aprirsi a tanti generi, complice la fortuna di aver lavorato in un negozio di dischi, senza seguire le mode della discografia corrente, le tecniche di canto "asmatico", le sperimentazioni di suono industriale, l'improvvisazione di danza come propellente per i giri disarmonici del gruppo. Ed è un piacere sentire snocciolare al più famoso degli Stooges nomi come John Cage, Sun Ra e John Coltrane, tra

Mostra altro