Trama THE WAILING | Sky Cinema
THE WAILING

THE WAILING

156'2016Drammatico
Guarda il trailer
  • Regia: Na Hong-jin
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Corea del sud
  • Durata: 156'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: THE WAILING

Cast:

Do Won Kwak, Hwang Jeong-min, Woo-hee Cheon, Woo-hee Chun, Han-Chul Jo, Jeong-min Hwang, So-yeon Jang, Han-Cheol Jo

Trama:

Un anziano forestiero compare nelle vicinanze di un villaggio coreano di montagna. Nessuno sa da dove venga. Si sa solo che è giapponese. In breve tempo però iniziano a verificarsi morti misteriose sulle quali indaga il poliziotto Jong-gu. Gli omicidi sembrano essere legati a ritualità demoniache. L'indagine del tutore dell'ordine si fa più pressante e carica di oscuri presagi quando è sua figlia ad essere posseduta.
Hong-jin Na alla sua terza prova conferma l'originalità di uno sguardo assolutamente in grado di accostarsi a un genere innervandolo con una lettura del tutto personale. A partire da un doppio titolo "The Strangers" e "The Wailing" (traducibili come "Gli stranieri" e "Il gemito"). Il repertorio potrebbe essere quello classico: spiriti malvagi, zombie, bambina posseduta, riti satanici ecc. Il pressbook tenta di depistare il lettore professionale evodenziando la qualità delle immagini (innegabile) e l'accuratissima scelta delle location disseminate su tutto il territorio sudcoreano.
In un film in cui alcuni stilemi dell'horror potrebbero essere riproposti con efficacia senza particolari variazioni, il regista coreano decide invece di andare a rileggerli con almeno due ottiche particolari. Di fatto questo è un film che si costruisce attorno al perno del sospetto e non si tratta di un sospetto qualunque. Il primo indiziato è il misterioso giapponese del quale non si sa nulla. In realtà si sa ciò che è sufficiente: la sua nazionalità. Ecco allora che le ricerche di un poliziotto un po' impacciato trovano un obiettivo che va al di là del cinema di genere e che trasformano quest'opera in un film politico. Ci ricorda cioè che dal 1910 fino alla fine della seconda guerra mondiale la Corea fu occupata dai giapponesi e che ancora oggi il 29 agosto (data in cui l'imperatore della Corea firmava una "piena e imperitura cessione" del territorio all'Imperatore del Giappone) viene ricordato come 'il giorno della vergogna nazionale'.
Ma c'è di più perché Hong-jin Na, non dimenticando mai di dover intrattenere il proprio pubblico e schiacciando ogni tanto l'acceleratore della tensione ci manifesta anche il proprio scetticismo nei confronti delle fedi religiose. Chiedere aiuto alla chiesa cattolica attraverso i suoi rappresentanti o tentare di avvalersi delle pratiche sciamaniche non porta a grandi risultati. Il Male domina il mondo (o perlomeno la Corea del Sud) e ha molti volti. Tutti portatori di instabilità.

Mostra altro