Trama NERVE | Sky Cinema
NERVE

NERVE

96'2016Thriller
Guarda il trailer
  • Regia: Henry Joost, Ariel Shulman
  • Genere: Thriller
  • Paese: USA
  • Durata: 96'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: NERVE

Cast:

Emma Roberts, Dave Franco, Emily Meade, Miles Heizer, Juliette Lewis, Marc John Jefferies, Jonny Beauchamp, Samira Wiley, Arielle Vandenberg

Trama:

Vee, abbreviazione di Venus, è la miglior amica di Sydney che la considera però una repressa e quindi la sfida a partecipare a un gioco online illecito, Nerve, pensando che lei non accetti. Invece Vee è così furibonda, per come Sydney l'ha imbarazzata di fronte a un ragazzo che le piace, da iscriversi davvero. Nerve la pone di fronte a sfide con premi in denaro e Vee ci prende presto gusto, anche perché la prima tra queste la porta a baciare Ian, che da quel momento diventa il suo inseparabile compagno nelle prove successive. La complicità tra i due è palpabile e travolgente tanto che Vee accetta sfide sempre più estreme, al punto da scalare la classifica e partecipare alla finale, ma quando la sua amicizia con Sydney ci va di mezzo inizia a ripensare alla propria partecipazione. La prima regola di Nerve però è non parlare di Nerve... Ennesimo film del filone Young Adult con giochi più o meno perversi e prove potenzialmente mortali, Nerve è a differenza di altri ambientato nel presente e relativamente plausibile. La facilità della risoluzione e la morale letteralmente urlata ne fanno però un'operazione troppo edificante e rassicurante per turbare davvero qualche coscienza. Tratto dal romanzo omonimo di Jeanne Ryan del 2012 (in Italia pubblicato ora da Newton Compton), Nerve è un adattamento piuttosto libero e molto meno paranoico e brutale rispetto al testo d'origine. Prima di tutto concentra la vicenda in una sola notte e spinge al massimo l'alchimia tra i due divi protagonisti: Dave Franco ed Emma Roberts, quest'ultima inevitabilmente poco credibile nella parte della ragazza impacciata e insicura. Ne viene per lunghi tratti una storia romantica più che un thriller, dove il gioco è quasi solo funzionale ad avvicinare i due. Quando le cose si fanno serie, Vee cerca di tirarsene fuori e questo complica finalmente la narrazione, ma il film aggiunge i più proverbiali deus ex machina del cinema contemporaneo: gli amici hacker, pronti a intervenire prima che le cose prendano un piega troppo pericolosa. Tutto il contrario insomma di quanto accadeva nel libro, che non risolveva completamente le cose e rimaneva aperto su un inquietante cliffhanger. Un'altra differenza è l'assenza del discorso di classe e censo del romanzo con i suoi ricchi spettatori, inesistenti invece nel film dove chi sia dietro a Nerve rimane un mistero e anzi sembra che i soldi dei premi arrivino dalle iscrizioni degli spettatori. Quest'ultimo punto è relativamente interessante, perché se la contrapposizione tra giovani e adulti è piuttosto abusata dopo Hunger Games e simili, qui si critica la mentalità del gruppo dei coetanei che nell'anonimato della rete diventano mostri. La lezione viene resa però davvero troppo esplicita e il risultato è più predicatorio che efficace come monito. I registi Henry Joost e Ariel Schulman sono gli stessi dei Paranormal Activity 3 e 4, e hanno già affrontato temi legati alla rete nel programma di MTV Catfish, mentre la sceneggiatrice Jessica Sharzer vanta nel curriculum American Horror Story, ma a Nerve ha fatto seguire cose ancora più per teenager come la serie Star e il Tv movie di Dirty Dancing. Nell'adattare il libro gli autori guardano chiaramente al successo in rete degli sport estremi e delle sfide più assurde, con persone appese in cima ai palazzi e altre analoghe follie da Jackass, qui però ancora più irresponsabili perché mettono a volte in pericolo altre persone oltre a chi si mette alla prova. Il nichilismo di fondo che viene espresso turba l'anima bella di Vee, di certo il personaggio meno credibile, e proprio qui sta la peggiore debolezza del film, cui manca la graffiante crudeltà dell'episodio Shut Up and Dance di Black Mirror e di cui finisce per essere solo un pallido riflesso.

Mostra altro