Trama PRIMA DI LUNEDÌ | Sky Cinema
PRIMA DI LUNEDÌ

PRIMA DI LUNEDÌ

90'2016Commedia
Guarda il trailer
  • Regia: Massimo Cappelli
  • Genere: Commedia
  • Paese: Italia
  • Durata: 90'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: PRIMA DI LUNEDÌ

Cast:

Vincenzo Salemme, Fabio Troiano, Andrea Di Maria, Martina Stella, Sandra Milo, Sergio Muniz

Trama:

Una Volvo e una 500 si scontrano in piena Torino. Contrariamente alle aspettative, alla guida della Volvo c'è un aspirante attore squattrinato, Marco, insieme al suo migliore amico Andrea, mentre a bordo della 500 c'è un miliardario malavitoso, Carlito Brigante (il nome del protagonista del Carlito's Way di Brian De Palma). Carlito fa a Marco una proposta che non potrà rifiutare: invece di pagare i danni causati dalla Volvo alla 500, Marco dovrà portare un gigantesco uovo pasquale (con sorpresa) da Torino a Torre del Greco, facendosi accompagnare dall'amico e dalla sorella di Andrea, Penelope, ex fidanzata di Marco in procinto di sposarsi con un altro. Si unirà a loro Chanel, l'ottantenne francese che il trentenne Andrea ha conosciuto su Internet e di cui si è invaghito credendola un'avvenente coetanea.
Massimo Cappelli dirige questa commedia cosceneggiata insieme a Fabio Troiano, che nel film ha il ruolo di Marco, e Beppe Lo Console cercando di imprimerle un tocco surreale che trova il suo punto di forza nel ribaltamento delle previsioni, e il suo tallone di Achille nell'improbabilità via via crescente della trama. Soprattutto Prima di lunedì sconta un divario schiacciante fra la recitazione di Vincenzo Salemme (Carlito) e Sandra Milo (Chanel), e quella degli interpreti più giovani: la consumata esperienza teatrale di Salemme e la naurale presenza cinematografica della Milo appartengono ad un altro film, molto più riuscito e divertente - prova ne è che, negli outtake finali, le scene fra i due attori sono esilaranti e fanno rimpiangere che l'intera commedia non sia stata affidata in toto a loro, lasciandoli liberi di improvvisare secondo quell'irresistibile intuito di animali da palcoscenico.
Invece il grosso della storia posa sulle spalle assai più fragili di Troiano, di Martina Stella (Penelope) e Andrea Di Maria (Andrea), che non sanno gestire il proprio spazio scenico con la sicurezza istrionica di Salemme, o la grazia sciroccata della Milo. La regia non li aiuta dirigendoli in ambienti asettici (strade vuote, garage deserti, luoghi totalmente privi di colore e calore) e affidando loro dialoghi puerili che impallidiscono al confronto dei vulcanici monologhi di Salemme, o dello stralunato borbottio della Milo, che crea un grammelot fatto di finto francese e autentica comicità naturale.
Prima di lunedì si presenta come una commedia corale ma avrebbe dovuto essere un pas des deux, lasciando a Carlito e Chanel tutto lo spazio e la luce dei riflettori che meritano.

Mostra altro