Trama BABBO BASTARDO 2 | Sky Cinema
BABBO BASTARDO 2

BABBO BASTARDO 2

87'2016Commedia
Guarda il trailer
  • Regia: Mark Waters
  • Genere: Commedia
  • Paese: USA
  • Durata: 87'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: BABBO BASTARDO 2

Cast:

Billy Bob Thornton, Kathy Bates, Tony Cox, Christina Hendricks, Brett Kelly, Ryan Hansen, Jenny Zigrino, Jeff Skowron, Cristina Rosato, Nathaly Thibault

Trama:

Squallido, sboccato e osceno quanto basta, il cinico babbo natale di Billy Bob Thornton è ancora una volta protagonista alcolizzato di una favola nera, appesa al cavo sfilacciato di un forno elettrico, sull'orlo del suicidio. lo avevamo lasciato in compagnia dell'amabile Sue e del paffuto Thurman Merman (la versione gioiosa di un "moccioso appiccicoso") in un apparente clima di serenità ritrovata. Ma l'happy ending non appartiene alla vista sfocata dell'ultimo bicchiere di whiskey. Presto detto, la meta questa volta sarà Chicago. Coi soliti abiti rossi, la stessa barba bianca, l'immancabile elfo traditore e una new entry di tutto rispetto, mamma Sunny, spietata personalità che sciorina nomignoli come fossero caramelle ad Halloween, il magnetico Willie Soke dovrà scassinare la cassaforte di un ente di beneficenza che si occupa di piccoli orfani. Catapultato in un vortice d'insulti dal miraggio di guadagnare milioni di dollari, Willie scoprirà a colpi di litigi e parolacce quanto la sua vita disastrata sia merito dell'egoismo illimitato di Sunny. Di come una madre menefreghista e anaffettiva sia causa - tra gli altri - del suo rapporto con le donne, ingestibile anche nell'ambito del più immediato dei complimenti.
L'ottimismo cui anelva il finale del primo episodio, qui, si è perso totalmente nei bui anfratti di un animo travagliato che incappa nella controparte materna come tragico destino, riscoprendo solo grazie al goffo Thruman la capacità di aggirare l'insoddisfazione familiare per avvicinare un sentimento estraneo: la tenerezza. Una piena fiducia nel "Babbo Natale personale" del giovane conquisterà anche il più marcio degli uomini, a suon di sorrisi sinceri e ingenuità disarmanti. Politicamente scorrettissimo come il suo predecessore, Babbo bastardo 2 sradica ancora una volta il buonismo melenso della 34/ma strada per raccontare le avventure tragicomiche di uomini molto lontani dalla perfezione patinata cui l'estetica cinematografica natalizia ci ha abituati. Con l'irriverenza provocatoria delle commedie più pure, il film è una parabola distorta d'incommensurabili idiozie, tenute insieme da un fil-rouge di grotteschi e continui sketch dissacranti.
Tutt'altro che sagace nei dialoghi, il rigore stilistico e formale non riesce per questo a mantenere la centralità del dardo in equilibrio su una scrittura poco funzionale, nonostante il cast d'eccezione faccia di tutto per dare credibilità allo script. Anche l'arrabbiatissimo Billy Bob, dispensatore di un fascino particolare fin nelle scene più grette, non è capace ad arginare un'esagerata stoccata demitizzante alla magia del natale. Con il difetto di aver perso molta dell'originalità del suo predecessore (difficile eguagliare l'originale in quanto a instant cult), il plot, firmato a quattro mani da Shauna Cross, Doug Ellin, John Phillips e Johnny Rosenthal, sembra aver smarrito stradafacendo lo zampino dei fratelli Coen con la loro verve comica vibrante, rimpiazzata da un sottotesto scialbo e di rapido consumo.

Mostra altro