Trama EL CRISTO CIEGO | Sky Cinema
EL CRISTO CIEGO

EL CRISTO CIEGO

85'2016Drammatico
Guarda il trailer
  • Regia: Christopher Murray
  • Genere: Drammatico
  • Paese: Cile, Francia
  • Durata: 85'
  • Data di uscita: 2016
  • Titolo originale: EL CRISTO CIEGO

Cast:

Michael Silva, Bastian Inostroza, Ana Maria Henriquez, Mauricio Pinto

Trama:

Michael, da bambino, si è fatto inchiodare le mani ad un albero dal suo più caro amico, poi, dolorante ma fiducioso, nei pressi di un fuoco, ha ricevuto una rivelazione. Da allora parla da profeta al suo paese, che gli risponde prendendolo in giro. Quando viene a sapere che l'amico di un tempo ha subito un grave incidente, decide che lo guarirà con il miracolo dell'imposizione delle mani e attraversa il deserto a piedi scalzi per raggiungerlo.
Nel tragitto, incontra chi lo segue e chi lo rifiuta, si dimostra caritatevole con chi lo cerca e gli chiede aiuto, fa da compagno ad un ragazzino e a sua madre, fuggita da un uomo violento, battezza i figli di una piccola comunità rimasta da anni senza prete. Il corpo pasoliniano e i grandi occhi di Michael Silva viaggiano dunque con il passo lento e lo sguardo dall'interno, tipico del camminare, attraverso un deserto fisico e simbolico, un'umanità disgregata e abbandonata, alla disperata ricerca di una parola che la guidi e di un qualcuno che agisca.
Quello impostato da Christopher Murray è anche un viaggio visivo dentro un territorio delle immagini altrettanto arido, dove al vuoto di un progetto umano e ambientale, all'assenza totale di un'idea di costruzione, si aggiunge lo squallore del falso profetare, di quelle immagini sacre prive di vita e di verità, che Michael manda letteralmente in frantumi, scatenando l'ira di chi si è aggrappato all'oggetto e non vede altro. Uomo tra gli uomini, disinteressato a qualsiasi forma di religiosità precostituita, Michael non è una figura della trascendenza e il film non è un parabola predicatoria, nonostante ne ricalchi per alcuni versi la formula, con il ritornello delle storie nella storia. Ma sono racconti che appaiono più volti ad edificare la struttura narrativa del film che l'anima dello spettatore.
Girato con la partecipazione degli abitanti delle zone del Cile attraversate, El cristo ciego domanda uno sforzo di fiducia anche al di qua dello schermo, perché il cammino nel deserto è faticoso e la visione ne replica i tempi lungamente dilatati, i tanti vuoti. Alla fine la bellezza s'intravede, color del mare, ma, pur trattandosi di un film che esplora il passo del racconto, il suo incedere non arriva mai ad essere trainante.

Mostra altro