Garrone: "Un Reality da Champions League"

Matteo Garrone con la moglie Nunzia a Cannes

Il regista racconta a Sky Cine News il suo trionfo: "Appena ho sentito il mio nome pronunciato mi sono sentito l'allenatore di una piccola squadra arrivata in finale".

Matteo Garrone racconta il suo trionfo a Cannes: un Reality da Grand Prix! E dire che quando fu intervistato alla vigilia del Festival Garrone disse che vincere il Grand Prix sarebbe stato come vincere a tombola: "Appena ho sentito il mio nome pronunciato il pensiero è andato a tantissime persone, mi sento l'allenatore di una squadra di calcio e questa volta con una piccola squadra siamo arrivati in finale di Champions League".

Il premio è sempre un motivo di orgoglio ma Garrone ci tiene a precisare che "l'aspetto più positivo è che valorizza il film, che così può trovare più pubblico e una maggiore facilità a essere acquistato in altri paesi. E questo nonostante il rischio di cadere nel moralismo: invece li abbiamo raccontati creando un legame e la cosa è passata, è stata capita e apprezzata".