Il Cavaliere Oscuro - Il ritorno: finalmente in Italia

Inserire immagine
Batman contro il cattivissimo Bane © Warner Bros

In anteprima la recensione del film di Nolan, terzo e attesissimo capitolo di una trilogia che è già cult. Con un Batman sempre più dark e tormentato e un cattivo da antologia

di Valeria Morini


Il film più atteso dell’anno sta per arrivare anche in Italia. Aspettato con ansia dai fan e forte dei suoi 900 milioni di dollari incassati nel resto del mondo, Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno, sarà nelle nostre sale da mercoledì 29 agosto.

Preceduto da una gigantesca campagna promozionale, scosso dalla tragedia della sparatoria in un cinema in Colorado, che però non sembra averne pregiudicato il successo, il film è il terzo (e ultimo?) capitolo della trilogia di Christopher Nolan dedicata al più dark dei supereroi.

Le vicende ripartono otto anni dopo la conclusione del secondo capitolo (il cult Il Cavaliere Oscuro, dove il compianto  Heat Ledger vi interpretò un indimenticabile Joker): Batman, considerato un fuorilegge dalla polizia, ha fatto perdere ogni traccia di sé e Bruce Wayne si è ritirato nel suo castello in completa solitudine. Ma il tormentato miliardario dovrà tornare a indossare il mantello nero per fronteggiare un nuovo spaventoso nemico: lo spietato e pericoloso Bane, che minaccia l’intera Gotham City con un esercito di mercenari.

Indissolubilmente legato ai due precedenti episodi, il film è un riuscito kolossal epico che coinvolge e travolge per tutti i suoi 165 minuti di durata. Rappresenta l’altra faccia della medaglia rispetto a The Avengers o all’ultimo Spider-Man: realistico, violento, cerebrale e denso di temi, spettacolare ma anche profondo, più adatto agli adulti che ai ragazzini, Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno è puro cinecomic d’autore. Con un villain indimenticabile, una strepitosa Catwoman e un colpo di scena finale che farà gongolare i fan più accaniti del fumetto.

Semplicemente perfetto il cast: agli ormai veterani Christian Bale (Batman), Michael Caine (Alfred), Morgan Freeman (Lucius Fox) e Gary Oldman (Gordon) si aggiungono Tom Hardy (Bane), Anne Hathaway (Catwoman), Marion Cotillard (Miranda) e Joseph Gordon-Levitt (il poliziotto Blake). E, udite udite, riappariranno brevemente anche i cattivissimi Liam Neeson (Ra's Al Ghul) e Cillian Murphy (lo Spaventapasseri).

Tra spoiler veri o costruiti ad arte e polemiche a non finire (causate sia dal tragico episodio della strage di Denver sia dalle presunte affinità tra i terroristi di Bane e il movimento Occupy Wall Street) e in attesa di sapere se l’Uomo Pipistrello tornerà a volare ancora nei cieli di Gotham e sugli schermi di Hollywood, il film di Nolan è già nella storia del cinema.