Ribelle, non ci sono più le principesse di una volta

Inserire immagine
Ribelle - The Brave

Lunedì 3 giugno alle 21.10 appuntamento su Sky Cinema 1 e Sky 3D con Ribelle - The Brave , storia dell'eroina anticonvenzionale Merida. Da Biancaneve a oggi, ecco come si sono evolute le principesse Disney.

di Marco Agustoni

C'erano una volta le principesse svenevoli dei cartoni animati della Disney, quelle che passavano tutta la vita a sospirare rinchiuse in una torre, in attesa dell'arrivo del Principe Azzurro di turno a cavallo di un bianco destriero bla bla bla. Vi siete già annoiati? Esatto. Ed ecco perché queste principesse targate Disney non ci sono più, soppiantate da una nuova genìa di ragazze sfrontate e coraggiose, spesso e volentieri in grado di tenere a bada in combattimento i loro rivali maschietti. Ultima della lista è Merida, protagonista della recente produzione Pixar-Disney Ribelle - The Brave, in prima visione lunedì 3 giugno alle 21.10, in contemporanea su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D. Ma vediamo un po' come sono andate le cose.

Tutto comincia nel 1937 con Biancaneve, lungometraggio d'animazione che introduce la tradizione delle principesse disneyane: la protagonista fa quantomeno la figura dell'ingenua, perché casca nel tranello della strega e morde la mela avvelenata, cadendo in un sonno profondo. E senza l'intervento dei nani e del principe se la vedrebbe davvero brutta. Le fanno compagnia Cenerentola e Aurora de La bella addormentata, che altro non aspettano dalla vita che essere trovate da un principe qualsiasi che se le pigli.

Le cose cominciano a cambiare con Ariel de La sirenetta, e non tanto perché la ragazzetta è per metà un pesce: sfrontata e intraprendente, è lei che va a cercarsi il suo bello sulla terra asciutta. Addirittura, per riuscire nel suo scopo stringe un pericoloso patto con una seppia-fattucchiera, cosa che sconsiglierebbero un po' tutti quanti. Ma alla fin fine è sempre il bell'Eric a salvare baracca e burattini infilzando la strega a morte. Belle, metà attraente de La bella e la bestia, dimostra anch'essa un certo coraggio, è vero. Tuttavia, siamo alle solite: è la Bestia a lottare fin quasi alla morte per lei. E più o meno lo stesso vale per Jasmine in Aladdin: un bel caratterino, ma comunque bisognosa di essere tratta in salvo.

Si arriva a Pocahontas: come Ariel qui la principessa in questione è cocciuta e fa di testa sua, senza preoccuparsi di dare retta al padre. In più non ha paura di mettersi in gioco per salvare la vita del suo amato capitano Smith. E in questo caso, niente happy ending. La trasformazione delle principesse è completa con Mulan, che pur di combattere per scacciare gli invasori dalle sue terre si traveste da uomo e si fionda in prima linea, dimostrandosi molto più in gamba della maggior parte dei suoi commilitoni. Come se non bastasse, la nostra ragazza salva a più riprese la situazione grazie alla sua astuzia e a dispetto dei pregiudizi maschili. Ormai è ufficiale: la ragazzetta sprovveduta è diventata un eroina.

Adesso è il turno di Merida, che come suggerisce il titolo stesso del film è una principessa ribelle con tutti i crismi: determinata, spavalda e, soprattutto, bravissima con l'arco. E se la protagonista di Ribelle - The Brave si trovasse davanti una Biancaneve o una Cenerentola, riderebbe beffarda dei loro sogni in rosa: quando sai benissimo difenderti da sola, che bisogno hai di un principe?