Venezia 2012, trionfa Kim Ki-duk

Kim Ki Duk vince il Festival di Vemezia 2012 - foto Getty Images

Tra religione e spiritualità è stata una vittoria annunciata quella del regista coreano: la pellicola premiata Pietà mette d'accordo tutti, giuria e pubblico. Scopri i vincitori della 69ma edizione della Mostra

La giuria presieduta da Michael Mann, composta da Marina Abramovic, Laetitia Casta, Peter Ho-Sun Chan, Ari Folman, Matteo Garrone, Ursula Meier, Samantha Morton e Pablo Trapero, non ha avuto dubbi nell'incoronare il vincitore. Del resto già a poche ore dalla cerimonia di chiusura della 69ma edizione della Mostra il Leone d'oro veniva dato per sicuro al film "Pietà" del regista coreano Kim Ki Duk.

Le previsioni si sono rivelate giuste. Subito dopo aver ricevuto il premio il regista, reduce da una depressione durata circa tre anni durante i quali non ha girato alcun film, canta una canzone per ringraziare tutti. Il pubblico apprezza mentre per l'Italia è quasi una sconfitta: su tre film in concorso un Osella per la fotografia a Daniele Cipri e il premio Mastroianni per attore rivelazione a Fabrizio Falco.

Ecco nel dettaglio tutti i premi:

LEONE D'ORO per il miglior film a: Kim Ki-duk per Pietà
LEONE D'ARGENTO per la migliore regia a: Paul Thomas Anderson per The Master
PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a: Paradise: Faith di Ulrich Seidl
COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile a: Philip Seymour Hoffman e Joaquin Phoenix per The Master
COPPA VOLPI per la migliore interpretazione femminile a: Hadas Yaron per Fill the Void
PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore o attrice emergente a:  Fabrizio Falco per E' stato il figlio e L a Bella Addormentata
PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a: Olivier Assayas per Après Mai
LEONE DEL FUTURO - PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a: Ali Aydin per Kuf
MIGLIOR CONTRIBUTO TECNICO PER LA FOTOGRAFIA a: Daniele Ciprì per E' stato il figlio
PREMIO ORIZZONTI: Wang Bing per Three Sisters

E' l'italiano della sezione Orizzonti, L'Intervallo di Leonardo di Costanzo, il film (non in concorso) che ha trionfato con sette riconoscimenti tra i premi collaterali della Mostra.