Martin Freeman, ecce Hobbit

Inserire immagine
Martin Freeman in Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato

Giovedì 13 dicembre arriva nelle sale il nuovo film di Peter Jackson e per l'occasione il 9 Sky Cinema Christmas proietterà una scena del film in anteprima e la maratona "Il signore degli anelli". Ecco chi è il protagonista di Lo Hobbit

Domenica 9 dicembre, su Sky Cinema Christmas (canale 304), andrà in onda una maratona dedicata alla saga de Il signore degli anelli di Peter Jackson, un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti delle opere di J.R.R. Tolkien. Il motivo di questa celebrazione? È semplice: appena quattro giorni dopo, ovvero giovedì 13, arriverà finalmente nelle sale italiane Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato, il primo capitolo della nuova trilogia ispirata ai libri dello scrittore irlandese. Per l'occasione, sempre il 9 dicembre alle 21.00, dUna scena in anteprima di Lo Hobbit andrà in onda in  simulcast Sky Cinema christmas e Sky Cinema 1

A interpretare il giovane Bilbo Baggins, lo zio di Frodo in precedenza impersonato da Ian Holm, è stato chiamato l'inglese Martin Freeman. Gli appassionati di cinema e serie tv più attenti lo conoscono già molto bene, ma dalle nostre parti presso il grande pubblico non gode ancora della popolarità meritata. Ecco quindi in breve che cosa ha combinato finora il futuro protagonista della saga de Lo Hobbit.

Martin, classe 1971, comincia a lavorare per la televisione nel 1997, con piccoli ruoli in show tv britannici, mentre il suo debutto cinematografico arriva l'anno successivo in I Just Want to Kiss You. Una prima grande occasione arriva nel 2001 grazie alla versione originale della serie tv The Office, creata da Ricky Gervais e Stephen Merchant, in cui recita nel ruolo del simpatico Tim Canterbury. Freeman ha poi una nuova chance per farsi notare nel 2002, con la partecipazione ad Ali G Indahouse, film di Sacha Baron Cohen dedicato al suo popolare personaggio comico, in cui Freeman interpreta il "gangsta rapper" Ricky C. Passa un anno e il nostro hobbit viene chiamato a recitare nella commedia romantica collettiva Love Actually, nella quale il suo nome compare al fianco di attori ben più conosciuti come Hugh Grant, Liam Neeson e Colin Firth. Nel film, Martin Freeman recita assieme a Joanna Page nel segmento di John & Judy.

La fama di Martin Freeman in patria continua a crescere e nel 2004 l'attore è chiamato per un cameo da Edgar Wright e Simon Pegg nella commedia horror La notte dei morti dementi. I due vorranno di nuovo l'attore per un ruolo nel successivo Hot Fuzz. Nel frattempo, gli viene offerto il ruolo da protagonista in Guida galattica per autostoppisti, adattamento cinematografico del libro di culto di Douglas Adams, nel quale interpreta il terrestre Arthur Dent: questo ruolo concorre a fargli guadagnare un seguito affezionato tra il pubblico geek. La fortuna di Freeman prosegue con la partecipazione a numerosi film di generi differenti, dalla commedia Confetti a Nightwatching, in cui interpreta nientemeno che il pittore olandese Rembrandt.

Il ruolo della consacrazione arriva nel 2010 con Sherlock, serie tv britannica che attualizza la figura del detective creato da Arthur Conan Doyle. Holmes è interpretato da Benedict Cumberbatch, mentre Freeman è il suo fedele assistente, il dottor Watson. Con una terza stagione in vista per il 2013, lo show ha ricevuto un'accoglienza trionfale sia da pubblico e critica e il lavoro dei due protagonisti è stato largamente incensato: nel 2011 Martin si è aggiudicato il premio BAFTA come miglior attore non protagonista. E adesso, con la trilogia de Lo Hobbit, la fama di Martin Freeman non potrà che schizzare alle stelle. L'appuntamento, come detto, è per il 13. Ma per cominciare a calarsi nelle atmosfere tolkeniane, meglio farsi un ripasso de Il signore degli anelli il 9 dicembre su Sky Cinema Christmas.