Educazione siberiana, ecco il trailer

Inserire immagine
Gabriele Salvatores sul set con John Malkovich. Immagine tratta dalla pagina Facebook del film

Arriverà finalmente sugli schermi italiani a febbraio: è il nuovo film di Gabriele Salvatores, tratto dal celebre best seller di Nicolai Lilin, girato in inglese e con un cast internazionale che comprende John Malkovich

Chi vuole troppo è un pazzo. Un uomo non può possedere più di quanto il suo cuore possa amare.
È una delle massime contenute in Educazione siberiana. Da un romanzo che ha fatto parlare di sé come poche altre opere letterarie negli ultimi anni, arriva, attesissimo, l’adattamento cinematografico di cui vi mostriamo in anteprima l’intrigante trailer.

Chi se non Gabriele Salvatores, esperto di rielaborazioni filmiche di best seller (pensiamo alla proficua collaborazione con Niccolò Ammaniti), poteva adattare la complessa materia di questo libro? Per il regista Premio Oscar è arrivata finalmente la possibilità di girare un film dal respiro decisamente internazionale, filmato in lingua inglese.

Com’è noto, si tratta di un racconto di formazione autobiografico ambientato nella misteriosa comunità siberiana degli Urka, deportata in Transnistria (Moldavia) ai tempi di Stalin e che vive secondo un codice criminale “etico” tramandato di padre in figlio attraverso tradizioni come la simbologia dei tatuaggi.

Il film, che ha le cadenze di un cupo thriller con tratti western (o "eastern", come ama definirlo Salvatores), è stato interamente girato in Lituania con attori locali, ai quali si aggiunge la splendida presenza di John Malkovich, che veste i panni del nonno Kuzja. Sceneggiato dal regista con Stefano Rulli e Sandro Petraglia, prodotto da Cattleya e distribuito da 01, l’uscita nelle sale è prevista per il mese di febbraio.