La minaccia fantasma, 10 curiosità sul film

La minaccia fantasma

Dal venerdì 9 a domenica 18 giugno tutti i film della saga di Guerre Stellari animeranno Sky Cinema Star Wars (canale 304). Tra questi, anche l’episodio con cui si apre la nuova Trilogia, che fa da prequel alle tre pellicole classiche. Ecco alcuni aneddoti curiosi

La leggenda ha inizio qui, con La minaccia fantasma, Episodio I della saga di Guerre Stellari. Da venerdì 9 a domenica 18 giugno, il canale 304 di Sky sarà dedicato esclusivamente alle avventure di Obi-Wan Kenobi , Luke Skywalker e compagnia. Ecco alcune curiosità per prepararsi alla visione di questo episodio.

Facciamo tutti dei versi - Durante i combattimenti, per immedesimarsi nel ruolo dello jedi Obi-Wan Kenobi, Ewan McGregor riproduceva con la bocca i rumori delle spade laser.

La Forza nel sangue - Ewan McGregor aveva già Guerre stellari nel sangue: suo zio Denis Lawson interpretava il pilota ribelle Wedge Antilles negli Episodi IV, V e VI.

A lezione da Alec - Per prepararsi al ruolo di Obi-Wan Kenobi, McGregor si è studiato tutti i film di Alec Guinness, che interpreta lo Jedi nell’Episodio IV.

Attori alti, prezzi ancora più alti - Per La minaccia fantasma i set venivano costruiti solo fino all’altezza delle teste degli attori, dopodiché venivano completati in digitale, ma con il suo metro e novantatre Liam Neeson (nel ruolo di Qui-Gon Jinn) ha costretto gli scenografi a uno sforzo extra che è stato quantificato in 150mila dollari.

Rasoio-trasmittente - Il comunicatore utilizzato nel film da Qui-Gon Jinn non è altro che un rasoio femminile Sensor Excel riadattato.

Trailer blockbuster - Si racconta che in molti cinema degli Stati Uniti, durante la prima settimana in cui veniva mostrato il trailer de La minaccia fantasma, molti spettatori pagassero il prezzo del biglietto solo per vedere quello e poi se ne andassero prima che cominciassero i film in cartellone.

Digitale extraterrestre - Inizialmente la produzione aveva pensato di realizzare Yoda in computer graphic, ma dopo alcuni test si è deciso che la tecnologia non era ancora sufficientemente sviluppata per ottenere un risultato soddisfacente. Il modello in CGI è stato usato in una singola scena. Per l’uscita del film in bluray e nei cinema in 3D, tuttavia, il pupazzo è stato sostituito con uno Yoda digitale.

C3PO - La minaccia fantasma è l’unico film in cui l’attore Anthony Daniels non muove direttamente l’androide C3PO (pur fornendogli la voce).

Casa di bambole - Per scongiurare tentativi di pirateria, la pellicola venne inviata ai cinema statunitensi con il titolo fittizio di The Doll House.

Una nota di colore - Inizialmente i Droidi de La minaccia fantasma dovevano essere bianchi come le Guardie Imperiali della prima Trilogia. Tuttavia, durante la fase di produzione George Lucas decise di cambiare il loro colore in una tonalità di beige.