The Impossible: viaggio al centro dello tsunami

Inserire immagine

Arriva su Sky Cinema 1 in prima visione il film di Juan Antonio Bayona che racconta la storia vera di una famiglia travolta e separata dallo tsunami del dicembre 2004. Con Naomi Watts e Ewan McGregor

La didascalia all'inizio del film ci avverte che "The Impossible" (in onda su Sky Cinema 1 lunedì 3 febbraio alle 21.10) è una storia vera. Come a dire che il regista spagnolo Juan Antonio Bayona vuole assolutamente coinvolgerci fin dalle prime scene. Ed è davvero impossibile non esserlo quando ci si trova di fronte agli occhi
la ricostruzione filmica dello spaventoso tsunami del dicembre 2004 che colpì la Thailandia ed altri Paesi del Sud-est asiatico

Se poi, a tutto questo, si unisce la storia incredibile della famiglia spagnola, Maria, Quique, Lucas, Tomas e Simon, miracolosamente scampata all’evento e, altrettanto miracolosamente, riuscita a ritrovarsi nel caos e nella devastazione, nel dolore e nelle ferite delle ore successive alla tragedia si comprende come “The Impossible” sia fondamentalmente una pellicola unica.

Due le qualità che lo rendono tale: sicuramente le immagini spettacolari ma anche la volontà forte di trasformare l’orrore visivo di una tragedia in un viaggio più intimo nel cuore degli uomini colpiti all'improvviso da qualcosa più grande di loro. Un processo, che almeno secondo il film, mette in moto, quasi naturalmente, degli elementi nascosti dell'animo umano, quali la compassione, la solidarietà nei confronti del prossimo, il coraggio, la voglia di sopravvivere e la consapevolezza che siamo minuscoli di fronte all'immenso potere della natura.

Per la cronaca “The Impossible” è il film che ha incassato di più nella storia del cinema spagnolo (quasi 40 milioni di euro); la vicenda, reale, è quella capitata a Maria Belon, la quale ha anche contribuito alla sceneggiatura. Nel cast Ewan McGregor e Naomi Watts che per la sua interpretazione ha ricevuto una canditura agli Oscar 2013 come miglior attrice protagonista e al Golden Globe 2013 come miglior attrice protagonista per un film drammatico.