The Social Network, 10 curiosità sul film

Inserire immagine
The Social Network

In occasione del decimo anniversario di Facebook, martedì 4 febbraio Sky Cinema 1 HD trasmette in prima serata la pellicola che ne racconta la storia e i lati oscuri. Ecco una serie di interessanti aneddoti sull'opera di David Fincher.

Martedì 4 febbraio, in occasione del decimo compleanno di Facebook, Sky Cinema HD manderà in onda alle 21.10 The Social Network, il film di David Fincher che racconta le gesta del suo fondatore Mark Zuckerberg, interpretato da Jesse Eisenberg. Ecco alcuni aneddoti curiosi sulla pellicola.

Cambio in corsa - Inizialmente il regista David Fincher aveva pensato a Andrew Garfield per il ruolo di Zuckerberg, ma siccome l'attore gli è sembrato troppo teso a esprimere le proprie emozioni lo ha ritenuto inadatto per il ruolo di un ragazzo chiuso come il fondatore di Facebook. Gli ha invece affidato la parte del socio nonché migliore amico di Mark, Eduardo Saverin.

Nei panni dell'altro - Andrew Garfield, a proposito del cambio di ruolo, ha raccontato che l'esperienza di passare da un personaggio all'altro gli è stata molto utile per entrare nella sua parte, perché secondo lui Eduardo nel corso del film compie un costante sforzo per comprendere Mark Zuckerberg calandosi nel suo punto di vista.

Un po' di Apple in casa Facebook - In una scena del film, Mark Zuckerberg, Eduardo Saverin e l'ideatore di Napster Sean Parker bevono tutti quanti Appletini, un cocktail a base di vodka, succo di mela e vermouth. Nella realtà, il fondatore di Facebook non ne aveva mai sentito parlare fino alla premiere del film, ma dopo averlo assaggiato ne è rimasto così folgorato da renderlo il cocktail ufficiale della sua società.

Ripensamenti - A proposito del rapporto di Zuckerberg col film, inizialmente il papà di Facebook aveva deciso di non andare mai a vedere il film. Col tempo, però, si è ricreduto, portando anzi molti suoi dipendenti e collaboratori a vederlo, perché nonostante la presenza, a suo dire, di alcune inesattezze, la pellicola di Fincher è riuscita a restituire un ritratto fedele dei suoi anni giovanili.

Non è Bill - In una scena di The Social Network, Bill Gates parla a una conferenza ad Harvard, alla quale assiste anche il giovane Zuckerberg. Nonostante la grande somiglianza, non si tratta di Gates in persona, ma di un imitatore professionista del fondatore di Microsoft.

Gemelli diversi - Poiché David Fincher non è riuscito a trovare due attori gemelli in grado di interpretare i fratelli Winkelvoss, ha affidato i loro ruolo di entrambi ad Armie Hammer, affidandosi al modello Josh Pence per alcune scene (anche se il volto di quest'ultimo è stato sempre sostituito digitalmente da quello di Hammer). Pence, che ai tempi del college faceva parte della squadra di canottaggio, aveva gareggiato in questa disciplina contro i Winkelvoss.

A cena da Natalie - Natalie Portman, che ha frequentato Harvard all'epoca di Zuckerberg e a cui fa anche allusione il fondatore di Facebook in The Social Network, ha aiutato lo sceneggiatore Aaron Sorkin nella stesura del film, facendogli conoscere durante una cena molti suoi ex compagni di college, in modo da fornirgli delle testimonianze di prima mano sulla vita nel campus a quei tempi.

Che musica! - La colonna sonora di The Social Network è stata composta da una firma eccellente della musica contemporanea, ovvero il leader della band industrial rock Nine Inch Nails Trent Reznor, che per l'occasione ha lavorato in coppia con Atticus Ross. I due, premiati con l'Oscar per la Migliore colonna sonora, sono stati chiamati da Fincher anche per Millennium - Uomini che odiano le donne.

Top ten - The Social Network è entrato in centinaia di top ten dei film del 2010 stilate dai più influenti critici cinematografici di tutto il mondo, piazzandosi in testa, tra le altre, a quelle di Roger Ebert e Peter Travers.

The End - David Fincher ha lasciato girare allo sceneggiatore Aaron Sorkin la ripresa finale del film, di cui è poi stato utilizzato in montaggio circa un secondo.