"Amore Oggi": come è difficile amarsi ai tempi della crisi

L’atteso film realizzato da Inception e prodotto da Sky Cinema, sbarca lunedì 10 febbraio su Sky Cinema 1 e venerdì 14 su Sky Cinema Passion. Quattro esilaranti storie tra il comico e il surreale raccontano l'amore in tutte le sue forme

di Barbara Ferrara

Scordatevi l’amore strappalacrime dei romanzetti rosa, quello melenso dei baci perugina, quello trottolino-amoroso-dudù-dadadà cantato da Amedeo Minghi e Mietta, ma anche quello che se non ti fa volare tre metri sopra il cielo non è vero amore. E poi sereni, nessun apostrofo rosa tra le parole ti amo farà innalzare il vostro tasso glicemico né vi farà venir voglia di scappare a fari spenti nella notte: Amore Oggi parla sì dell’amore, ma lo fa in maniera non convenzionale e senza effetti collaterali.

Senza prendersi troppo sul serio, con la dose giusta di ironia per evitare gli stereotipi e i luoghi comuni tanto cari alla classica commedia sentimentale, questo film, realizzato per Sky Cinema da Inception, un gruppo di giovani registi, filmaker e autori nati sul web, racconta l’amore ai tempi della crisi economica, dei social network, del ribaltamento dei valori e talvolta anche dei ruoli.

Sotto lo sguardo del profetico grande fratello orwelliano, tra il comico e il tragicomico, i temi affrontati nelle quattro esilaranti storie ( Precari, Ragazza dei miei sogni, Narciso e Il Campione), analizzano il presente, ed è facile, in qualche modo, immedesimarsi nelle vicende di Andrea, Luisa, Mimmo, Valérie la ragazza dei sogni, Paride, Livia, Gaspare e Mario Marinelli, per quanto a tratti surreali possano sembrare.

Una ventata di freschezza e sano cinismo vi terrà incollati al teleschermo e con un linguaggio fuori dagli schemi tratteggerà ogni protagonista con le sfumature della sua folle umanità. Molte sono le debolezze e le contraddizioni del genere umano declinate in Amore oggi. Sequenza dopo sequenza conosciamo un manipolo di personaggi che alla fine, seppur caratterialmente e umanamente distanti per cultura, esperienze ed estrazione sociale, si incontra: davanti al bancone di un bar a fare il tifo per una partita di pallone.