La migliore offerta è il ritratto di Geoffrey Rush

Inserire immagine
Un'immagine tratta da "La migliore offerta", in onda il 24 febbraio in prima tv alle 21.10 su Sky Cinema 1

Sei David di Donatello e sei Nastri d'Argento per un thriller che racconta la vita di un facoltoso battitore d'aste, umanamente indurito da fobie e superstizioni. Il film di Tornatore va in onda il 24 febbraio in prima tv alle 21.10 su Sky Cinema 1

Dopo l' epos magniloquente, le architetture sontuose e l'ambientazione marcatamente regionale di Baarìa, non era facile prevedere quale strada avrebbe imboccato Giuseppe Tornatore, regista siciliano, che ha portato alla consacrazione una sensualissima Monica Bellucci in Malèna.
Da sempre disgiunta tra l'anima provincialista dal sapore profondamente autobiografico ( Nuovo Cinema Paradiso) e il ripiegamento intimista nei meandri oscuri della condizione umana ( La sconosciuta), la sua opera ha impresso nel cinema italiano le tracce di un percorso in continua evoluzione e contaminazione tra generi diversi.
Ne è prova mirabile La migliore offerta, il thriller di respiro internazionale che Sky Cinema 1 trasmetterà in prima tv il 24 febbraio alle 21.10. Un mystery psicologico, come è stato soprannominato il capolavoro che annovera nel cast uno straordinario Geoffrey Rush, seguito a stretto giro da Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Donald Sutherland e Philip Jackson, nel quale i toni del melodramma dal gusto retrò si mescolano abilmente a quelli del thriller.
Il tutto condito da un'azzeccatissima scelta musicale, la colonna sonora di Ennio Morricone, e di location, data da una fatiscente e meravigliosa villa dalle atmosfere vagamente hitchockiane.
Organo propulsore di tutto l'impianto narrativo è la figura di Virgil Oldman (Geoffrey Rush), noto e ricchissimo battitore d'aste, imbattibile nello stimare e nel riconoscere le opere d'arte, ma riluttante a intrattenere rapporti sociali.
All'inizio del film la vita di Oldman ci sembra in apparenza perfetta e scorre su binari sapientemente oliati, "settata" com'è sulla capacità di bloccare le relazioni esterne.
L'arrivo di una giovane e misteriosa ereditiera di nome Claire Ibbetson (Sylvia Hoeks) porterà alla luce le fragilità psicologiche di Virgil, obbligato a confrontarsi con la passione per una donna reale.

Smaltato e senza sbavature, il film di Tornatore è l'appuntamento irrinunciabile per tutti i cinefili (e non solo), forte di sei David di Donatello e sei Nastri d'Argento. Quando? Il 24 febbraio in prima tv alle 21.10 su Sky Cinema 1.