La frode: un tycoon tra sesso, denaro e belle donne

Inserire immagine
Due immagini tratte da "La frode", in onda in prima tv il 24 marzo alle 21.10 su Sky Cinema 1

Thriller finanziario che porta sullo schermo una nuova stirpe di cattivi: gli spietati e luciferini magnati di Wall Street. Non perdere il film con Richard Gere , Susan Sarandon e Laetitia Casta in onda il 24 marzo in prima tv alle 21.10 su Sky Cinema 1

di Paola Tribisonna

Accade a New York, nel cuore pulsante della finanza a stelle e strisce, ma accade anche a Londra, Dublino o Stoccolma. La frode di Nicholas Jarecki potrebbe essere un racconto seriale, la fotografia a tinte cupe della fase senile del capitalismo finanziario, caratterizzato da pericolosi giochi di potere, che moltiplicano la ricchezza, il prestigio e finiscono per risolversi in una lussuosa bolla di sapone amaro.

Robert Miller (interpretato da uno spregiudicato Richard Gere) è un magnate all'apice del successo. In procinto di vendere la sua società per una valanga di milioni, si districa tra la carriera, il matrimonio con Ellen (Susan Sarandon), il ruolo di padre e una relazione extraconiugale con la giovane artista Julie Cote ( Laetitia Casta).
Questo quadretto idilliaco inizia a sgretolarsi quando l'uomo provoca un incidente, nel quale trova la morte la sua amante. Disperato, tenta la fuga, mentre la figlia Brooke (Brit Marling) scopre aspetti inquietanti legati all'attività del padre.

Tra profitti illeciti e traffici loschi, uno spaccato del mondo finanziario, analizzato con sguardo non giudicante, grazie all'abilità registica di Jarecki.
Le luci e le ombre del potere, ma anche l'ascesa di un uomo, che in pochi anni ha costruito un impero economico attorno a sé e con altrettanta rapidità ha conosciuto il declino, sia sul piano professionale sia su quello umano.
Infatti, la vicenda personale si incastra a doppio filo con i suoi guai finanziari, facendo precipitare l'uomo in una spirale discendente dalla quale non è affatto facile riemergere.
Un'interpretazione intensa e assolutamente credibile, quella di Gere nei panni del magnate Miller, un uomo tanto spregiudicato nella vita quanto fragile e vulnerabile negli affetti.

La pellicola di Jarecki, che ha ottenuto la ragguardevole cifra di 2,7 milioni al box-office, andrà in onda in prima tv il 24 marzo alle 21.10 su Sky Cinema 1. Un appuntamento assolutamente irrinunciabile!