Pinocchio, la colorata poesia di Enzo D'Alò

Inserire immagine
Un'immagine tratta dalla locandina di "Pinocchio" di Enzo D'Alò, in onda in prima tv il 29 marzo alle 21.00 su Sky Cinema Family

Il pluripremiato regista napoletano rilegge il capolavoro di Collodi, con i disegni di Lorenzo Mattotti e le indimenticabili musiche di Lucio Dalla. Entra nel paese dei balocchi insieme allo sventurato burattino il 29 marzo alle 21.00 su Sky Cinema Family

Il Pinocchio su celluloide ce lo avevano già fatto conoscere Luigi Comencini nel 1972 e Roberto Benigni nel 2002, ma il più celebrato resta quello del 1940, partorito dal genio di Walt Disney.
Ancora Pinocchio, dunque. Questa volta, però, a firma di un autore come Enzo D'Alò, che nel cinema italiano di animazione si è conquistato da anni spazi di assoluto prestigio, da La freccia azzurra a La gabbianella e il gatto.

Un progetto alla base dell'originale rilettura del capolavoro di Collodi, che annovera gli importanti contributi di un illustratore di fama internazionale, Lorenzo Mattotti, e del cantautore Lucio Dalla. A ciò si aggiunge che i brani Canzone di Turchina, Mangia e bevi e Busker sono interpretati rispettivamente da Leda Battisti, Nada e Marco Alemanno. Tra i doppiatori, Rocco Papaleo, Paolo Ruffini e lo stesso Dalla. Un cast d'eccezione per un omaggio delicato e sincero a uno dei film di animazione più amati di sempre.

Enzo D'Alò definisce Pinocchio figlio di un libro malleabile. La cosa importante, come lo stesso regista afferma, è non tradirne lo spirito. Ho lavorato molto sul rapporto padre e figlio e sulla voglia di libertà del ragazzino che scappa via senza fuggire da nulla. E' un viaggio di formazione per entrambi, che alla fine si ritrovano cambiati e disponibili l'uno per l'altro.
Nel lungometraggio d'animazione, D'Alò, oltre a seguire le incredibili avventure del burattino di legno creato da mastro Geppetto, tra un viaggio nel paese dei balocchi e una caduta rovinosa nel ventre della balena, amplifica il ruolo di quei personaggi che sono stati troppo spesso, impropriamente, ritenuti di secondo piano. Uno di questi è il pescatore verde: La voce è quella di Lucio Dalla.
Il film è stato presentato al Festival del Cinema di Venezia 2012 nella sezione Giornate degli Autori, raccogliendo ampi consensi.

Preparatevi a rivivere una favola senza tempo sabato 29 marzo in prima tv alle 21.00 su Sky Cinema Family!