Ricordando Sergio Leone

Inserire immagine
Sergio Leone insieme ad alcuni protagonisti del film "C'era una volta in America: Joe Pesci, Robert De Niro, James Wood e Danny Aiello - Foto Getty Images

A 25 anni dalla scomparsa del grande regista, Sky Cinema Cult manda in onda “C’era una volta in America” nella sua versione restaurata. Appuntamento mercoledì 30 aprile alle 21.00

In occasione del 25° anniversario della scomparsa di Sergio Leone, Sky Cinema Cult manda in onda mercoledì 30 aprile alle 21.00 C’era una volta in America nella sua versione restaurata. Un'occasione per rivivere il più grande, conosciuto e importante film del Maestro italiano, nonché uno dei più grandi capolavori della cinematografia di tutti i tempi.

Del film, datato 1984, ne esistono varie versioni. Per l'esattezza ne esistono tre che sono quella uscita nelle sale europee e che segue le direttive del regista nel montaggio; quella voluta da produttore americano, che uscì soltanto negli Stati Uniti e che risulta rimontata seguendo l'ordine cronologico degli eventi (nella versione di Leone è invece un continuo flashback e ricordi); quella in cui vengono aggiunte delle scene originariamente tagliate ma non doppiate rispetto alla lingua originale. Proprio quest'ultima è la versione che verrà mandata in onda da Sky Cinema Cult.

Tratto dal romanzo “Mano armata” (1983) di Harry Grey, "C’era una volta in America" è l’'ultimo film realizzato da Sergio Leone prima della sua morte, avvenuta nel 1989. La pellicola abbraccia un arco temporale di quasi mezzo secolo, diviso in 3 momenti salienti: 1922-23, quando i protagonisti sono dei semplici ragazzini di strada della Lower East Side di New York; 1932-33, nel quale i ragazzini sono diventati una banda di giovani gangster; 1968, Noodles (Robert De Niro), ritorna sui luoghi della sua infanzia da dove era stato costretto a fuggire. Come un'ombra riemersa dal passato ripercorre la sua memoria alla ricerca di un tempo oramai perduto in un presente che oramai non esiste più. Il film vanta un cast straordinario (dai premi Oscar Robert De Niro e Joe Pesci a Danny Aiello, Elizabeth McGovern e Tuesday Weld) e una colonna sonora indimenticabile firmata da Ennio Morricone.