Cinque buoni motivi per guardare "Re della terra selvaggia"

Inserire immagine
Un'immagine tratta da "Re della terra selvaggia", in onda in prima tv venerdì 16 maggio alle 21.00 su Sky Cinema Cult

E' stato il film-caso dell'anno, ha fatto commuovere Barack Obama e ha raccolto i commenti entusiastici della critica. Una potente fiaba contemporanea, in onda su Sky Cinema Cult in prima tv il 16 maggio alle 21.00 . Scopri tutti i "numeri del successo"

Hushpuppy ha sei anni e vive sola con il padre Wink nelle paludi del sud della Louisiana, in una zona chiamata la "Grande Vasca", per gli allagamenti a cui va incontro in occasione dei cicloni. Mentre lo spettro di un terribile uragano spaventa la comunita' del luogo, mettendo in fuga molti, Wink scopre di essere gravemente malato e di dover preparare la figlia a cavarsela da sola. Il suo desiderio e' che Hushpuppy non abbandoni la sua terra, ma ne diventi un giorno il re, la creatura piu' forte.
Una pellicola intensa, toccante, moderna, nonostante lo scenario suggerisca atmosfere degradate, pesantemente segnate dalle calamità naturali, che Sky Cinema Cult trasmetterà il 16 maggio alle 21.00.
Il film del regista newyorkese, classe 1982, Benh Zeitlin, si configura a tutti gli effetti come una potente fiaba contemporanea, premiata a Cannes, al Sundance Film Festival e nominata agli Oscar. Perché? Quali sono le "chiavi" del successo?


1. Un'incantevole opera prima: In Italia si tende a sottolineare che il regista è "esordiente" per scusarne l'ingenuità e/o la difettosità del film. Nel caso dello statunitense Benh Zeitlin evidenziare il fatto che Re della terra selvaggia sia un debutto assoluto nel cinema risponde a tutt'altra esigenza, poiché si tratta di un'opera stilisticamente matura, con una poetica e un universo di riferimento ben presente nell'immaginario registico del giovane. La trama, inoltre, è intessuta di spunti originali, che sono una delizia per gli occhi dello spettatore.

2. L'indomabilità dei sentimenti autentici: Guardare Re della terra selvaggia equivale a partire per un viaggio, un emozionante, sincero e toccante viaggio nei meandri dell'esistenza umana, attraverso lo sguardo innocente di una bambina, la talentuosissima Quvenzhané Wallis. Infatti, la pellicola, seguendo le peripezie quotidiane ed emotive di questa ragazzina, racconta la forza indomabile e dirompente dei sentimenti autentici. Ad essere scandagliati dalla lente d'ingrandimento sono la rabbia e la voglia di vivere, malgrado le difficoltà. L'amore disperato di un padre. La grinta selvaggia di una figlia. E la dignità di un territorio che risulta periferico negli occhi e nella mente della massa, ma centrale per le persone che ci vivono.

3. Le scommesse del film: E' una pellicola d'azzardo, Re della terra selvaggia, per almeno tre ragioni. Da una parte, il bassissimo budget (appena 2 milioni di dollari); dall'altra, l'elevato impatto emotivo e visivo che riesce ad assicurare nonostante la pochezza dei mezzi. Infine, la scelta - tutta registica - di non rinunciare al tocco visionario, mescolando il realismo con l'immaginario, lo stile documentaristico con gli effetti speciali. Il tutto al servizio di un unico, grande motore pulsante: il racconto di una società sperduta nel Sud del mondo, tra calamità naturali e affetti messi a dura prova dalla precarietà della vita.

4. Oscar: largo ai giovani(ssimi): La piccola protagonista, Quvenzhané Wallis, a soli nove anni è la più giovane candidata di tutti i tempi all'Oscar come Migliore Attrice Protagonista. E pensare che è stata scelta per caso, come Dwight Henry, che nel film interpreta suo padre e nella realtà lavorava in una panetteria.

5. Yes, the movie can!: Il film non ha solo commosso il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ma ha raccolto anche il plauso della critica di tutto il mondo, oltre ad aver vinto numerosi riconoscimenti, come a Cannes (dove ha vinto la Camera d'Or), al Sundance Film Festival e agli Oscar (dove ha raccolto quattro nomination). Un vero e proprio fenomeno che ha catturato l'attenzione anche di alcune celebrities e personalità illustri, da Beyoncé a Emir Kusturica.

Il 16 maggio alle 21.00 su Sky Cinema Cult la pellicola verrà trasmessa in prima tv! Un appuntamento assolutamente imperdibile per tuffarsi nella Grande Vasca insieme a Hushpuppy, certi della consapevolezza che sarà un'esperienza rigenerante!

Per tutte le news e gli approfondimenti sul Festival di Cannes, ecco l'hashtag ufficiale: #skycinemacannes