Cannes 2014, chi vincerà?

Inserire immagine
Cannes 2014, l'attesa è alta

Sabato 24 maggio avremo il nomi dei trionfatori dell'edizione 2014 del Festival.  Scopriamo i film, gli attori e i registi più accreditati per la vittoria finale

di Barbara Tarricone

A Cannes 2014 è tempo di finale e dunque di pronostici. “Le Meraviglie”, secondo film di Alice Rohrwacher, unico italiano in concorso, ha diviso la critica ricevendo sia fischi che applausi alla proiezione stampa. E' però nella rosa dei tre favoriti alla Palma d'Oro per i bookmaker: terzo dopo il film in costume sulla vita del pittore Turner di Mike Leigh e al lunghissimo “Winter sleep” del turco Nuri Bilge Ceylan. Quest'ultimo era dato come vincitore ancora prima che il suo film venisse mostrato, data la sua lunga lista di premi a cui manca però la Palma d'Oro. La presidentessa della giuria Jane Campion, che abbiamo incontrato sul tappeto rosso degli Amfar non può sbottonarsi, ma fa chiaramente capire che le piacerebbe che a vincere fosse una donna. In 67 anni di Festival l'unica regista donna ad avere vinto la Palma d'Oro e' stata proprio lei nel 1993 per “Lezioni di Piano”. In concorso oltre alla nostra Alice c'è la regista giapponese Naomi Kavas, con “Still the Water”.

Il canadese Xavier Dolan è il regista più giovane in concorso a soli 25 anni. Potrebbe essere il front runner per il Premio Speciale della Giuria che viene dato al film più originale: il suo "Mommy", la storia di un ragazzo iperattivo e distruttivo e della sua mamma, girato con il suo solito ritmo forsennato e intimo, sembra avere colto nel segno.

Tra le attrici favorite dell'ultima ora ci sono Hillary Swank, donna indipendente nel Far West che non perdona di “The Homesman”, diretta da Tommy Lee Jones, e Marillon Cotillard, che ha abbandonato il glamour per assumere i panni dimessi di unaprecaria nel film dei fratelli Dardenne “Due Giorni e una Notte”. Ma è stata molto applaudita anche la protagonista canadese di "Mommy" Anne Dorval che abbiamo praticamente visto in "Close up" per due ore e un quarto dibattersi tra le emozioni causate dal temperamento instabile del figlio, e Julianne Moore che per Cronenberg ha interpretato un'attrice incapace di accettare la fine della sua carriera. Tra i preferiti per miglior attore Timothy Spall nei panni di William Turner, assieme al diciassettenne protagonista di "Mommy" e a un irriconoscibile Steve Carrell che per "Fox Catcher" di Bennet Miller si è trasformato nel miliardario con una dark side John Du Pont. Sabato sera sapremo che cosa ha deciso la giuria.