5 animali su cui è una pessima idea condurre esperimenti

Inserire immagine
Un'immagine dal film La maledizione di Komodo

L'appuntamento con Monsters Attack lo insegna: ci sono alcune bestie che è meglio evitare di sottoporre a radiazioni o altri fattori mutageni. Ecco quelli che è proprio il caso di lasciare in pace, perché altrimenti qualcosa andrà molto ma molto storto.

di Marco Agustoni

"Poi qualcosa va storto". Sempre. Inevitabilmente. Se per caso ti sei messo in testa di condurre dei test scientifici su animali di qualsiasi tipo - ma soprattutto se sono dotati di zanne, artigli e una spiccata tendenza a uccidete - a un certo punto qualcosa va storto. Che si tratti di radiazioni, sieri portentosi o altre diavolerie, prima o poi qualcosa andrà storto. È matematico. Lo dimostrano anche i film in onda durante la rassegna Sky Cinema Max Monsters Attack, che dal 10 al 20 luglio porterà sul canale 312 alcune delle creature più spaventose mai viste su schermo. Ma ci sono alcune bestie in particolare su cui è davvero una pessima idea condurre dei test scientifici. Perché? Perché prima o poi qualcosa andrà molto ma molto storto. Ecco quali...

Vespa mandarinia - Con questo nome un po' "fruttato", la vespa mandarinia potrebbe anche sembrare un animaletto simpatico. Beh, non lo è affatto, soprattutto se tenete conto che è altresì noto come "calabrone gigante asiatico" o "calabrone yak-killer", e che è il calabrone più grande del mondo. Insomma, con i suoi 5 centimetri di lunghezza è già bello grosso di suo, se poi qualche scienziato ha la bella idea di irradiarlo e di farlo diventare il "calabrone davvero davvero gigante asiatico", che dire, a quel punto ci siamo scavati la fossa con le nostre mani. Ah, dimenticavamo... la puntura di questo vero e proprio mostro è dolorosissima, contiene così tanto veleno da danneggiare i tessuti colpiti e da essere potenzialmente letale, e infine attrae gli altri calabroni che con ogni probabilità vorranno finire il lavoro del loro compare. Insomma, un vero e proprio incubo!

Zanzara - Tutte le estati, puntualmente (puntualmente in più di un senso), ci ritroviamo a lamentarci di quante zanzare ci siano in giro quest'anno, che quelli passati mica ce ne erano così tante. Ebbene, se oltre a essere tante quelle zanzare fossero anche state sottoposte a radiazioni e trasformate in dei bestioni grandi quanto un piccione, allora sì che avremmo di che lamentarci, perché visto quanto sono fameliche, a fine stagione saremmo ridotti a un colabrodo. Un salasso nel vero senso del termine...

Dendrobatidae - Ovvero una ranocchietta di colore blu intenso, lunga appena qualche centimetro. Che a vederla ti viene anche da pensare che è un esserino meraviglioso, così allora provi a carezzarla e... muori sul colpo. Perché l'animalino in questione ha la pelle cosparsa di uno dei veleni più micidiali al mondo, di cui è sufficiente una sola goccia per stroncare un grosso mammifero. Ecco, immaginatevela gigante. Oppure - metti che uno scienziato pazzo abbia deciso di incrociarla con un passerotto - volante. Ridefinirebbe del tutto il concetto di "morte alata". Meglio lasciarla in pace, la "ranocchietta".

Cubomedusa
- Alcune cubomeduse sono tra gli animali più velenosi al mondo. Bene, a velenosi provate ad aggiungere "intelligenti", perché allo scienziato pazzo di cui sopra è venuta anche l'idea di vedere cosa sarebbe successo a trapiantare un cervello umano in una cubomedusa (operazione certo non facile, ma la medicina moderna fa miracoli). Il risultato? È semplice: la fine del dominio umano sul pianeta e la nascita di un nuovo regime cubomedusico basato sul veleno e sul terrore. Scienziato pazzo, sei stato avvisato!

Varano di Komodo
- Questo lucertolone non è solo grande, grosso e aggressivo (dopotutto, se viene soprannominato "drago di Komodo", un perché ci sarà di sicuro). In aggiunta a tutto ciò, la sua bocca è talmente piena di batteri che il suo morso porta a infezione certa. Mescolate tutto questo con dei "raggi altamente radioattivi" o "mutazioni genetiche" e - già lo sapete - qualcosa è destinato ad andare storto. Per fortuna che nessuno è così stupido da pensare di condurre esperimenti scientifici sui varani di... come? Lo hanno fatto? Ebbene sì. Il mostruoso protagonista del film La maledizione di Komodo, in onda nel corso della rassegna Sky Cinema Max Movie Monsters, è proprio un lucertolone mutante. Che dire, noi abbiamo provato ad avvisarvi, ma non ci avete voluto dare retta. Ora vi toccherà affrontare le conseguenze su Sky Cinema Max HD...