Sharknado: un tornado di paura (e di risate)

Inserire immagine
Sharknado: non guarderete mai più gli squali con gli stessi occhi - © 2013 The Global Asylum Inc.

La saga di Sharknado è pronta ad azzanarvi. Si inizia  su Sky Cinema Max, martedì primo settembre alle 21.00  con il primo film della serie, diventato ormai un cult.

Nel cast, Ian Ziering e Tara Reid: divertimento assicurato!


Look! It’s a tornado!
No…it’s a Sharknado!!



Prendete un violentissimo tornado pronto ad abbattersi sulle spiagge di Santa Monica e sul resto dell’area di Los Angeles, aggiungete un (grosso) pugno di squali di ogni tipo (bianchi, martello, tigre, e chi più e ha più ne metta), e condite il tutto con un cast a prova di trash. Cos’avrete alla fine? Semplice: SHARKNADO!!

Sarà proprio l’assurdo e divertentissimo primo film di Anthony Ferrante a inaugurae la saga di Sharknado martedì primo settembre alle 21.  su Sky Cinema Max, e da quel momento niente sarà più come prima. D’altronde, se Sharknado è diventato un cult ancora prima di essere ufficialmente trasmesso negli U.S.A., un motivo ci dovrà pur essere, no?

In realtà ci sono diversi motivi che possono spiegare il successo internettiano del film (le gif e i meme non si contano) e la sua incoronazione a capolavoro del trash per l’anno 2013.

Anzitutto la premessa: un megatornado e svariate trombe d’acqua originatisi dall’oceano che riversano orde di squali per le strade e le colline di Los Angeles. Squali che, peraltro, spesso nuotano in meno di un metro d’acqua. Acqua piovana, se proprio vogliamo essere precisi.

Poi il cast, i cui due nomi più “illustri” sono Ian Ziering e Tara Reid. Non proprio due premi Oscar, ma PERFETTI per un film assurdo fin dai primi fotogrammi. E che dire di dialoghi come “Il bastardo mi ha morso!”, “Accidenti, ci sono squali dappertutto!” e “Mi raccomando, fa’ attenzione”?? Della serie: evviva l’ovvio e il didascalico. Infine, solo quattro parole: la scena della motosega. Scoprite voi a cosa ci riferiamo.

Sharknado è stato preso a pesci, anzi, a squali in faccia dalla critica più influente e seriosa (su RottenTomatoes, invece, si è portato a casa un fantastico 82% di pomodori, cioè di critiche positive), ma la verità è una sola: questo film è un capolavoro del trash, e in quest’ottica va guardato e giudicato.

E’ vero, è impossibile che degli squali rimangano intrappolati in una tromba marina e vengano “scaricati” per le strade allagate di Los Angeles. E’ vero, è assurdo anche solo pensare che questi bestioni possano risalire le fogne della città e sbucare nei posti più inaspettati.



Sharknado è solo  l'inizio della saga. Martedì 8 settembre toccherà, in prima tv, a Sharknado 2, mentre l'apputamneto, sempre in prima tv, con Sharknado 3 è previsto per martedì 15 settembre