Vade Retro Squalo!

Inserire immagine
Sharknado, uno dei film protagonisti del ciclo Monsters Attack in onda su Sky Cinema Max dal 10 al 20 luglio

Gustandosi in tutta sicurezza il ciclo Monsters Attack , in onda fino a domenica 20 luglio su Sky Cinema Max, ecco un vademecum da portarsi al mare in caso d’incontri con pinne sospette

di Camilla Sernagiotto

La valigia è pronta, stipata di costumi, creme solari e infradito.
Eppure il kit per sopravvivere al mare non è completo, anzi: finché tra i bikini non ci sarà qualche dritta per dribblare la pinna dritta per eccellenza, state alla larga dall’acqua!
Perché tanto va il bagnante al largo che ci lascia lo zampino, nel senso che il Re della foresta abissale potrebbe mordicchiarvi per bene i piedini.
Per tutti coloro che vogliono non farsi trovare impreparati, ecco un vademecum da seguire alla lettera in caso d’incontri ravvicinati del terzo tipo.

Niente snack in acqua
Una delle prime raccomandazioni sembra ovvia ma non la è: fondamentale è non portarsi appresso cibi succulenti e sanguinolenti tipo salamelle, sanguinacci, costate al sangue e via dicendo. Anche se per molti è scontato non tuffarsi con un kebab in tasca, spesso accade che tra l’impazienza del tuffo e il troppo relax qualche cibaria rimanga incastrata nella tasca dei bermuda: fate attenzione perché la scia di gusto intenso che vi lascereste dietro nuotando potrebbe attirare a voi squali ma non solo. Anche chi da mesi è a stecchetto in previsione della prova costume ha un appetito famelico…

Repellente per squali
Purtroppo non esiste ancora il corrispettivo dell’Autan per gli squali, tuttavia per tenerseli alla larga qualche rimedio casalingo potrebbe essere d’aiuto. Vostra moglie si mette un nuovo profumo che vi da la nausea? Ottimo! Spruzzatevelo su tutto il corpo, palmi delle mani e dei piedi compresi: gli squali vi gireranno alla larga stomacati. Sperando di non incontrare uno squalo femmina, che potrebbe avere gli stessi gusti della vostra dolce metà. In quel caso, vi ridurrebbe letteralmente in una mica-tanto dolce metà…

Emettere suoni fastidiosi
Quando si cammina in una foresta con l’erba alta, una delle raccomandazioni della nonna (per lo meno della nonna di Chuck Norris) è quella di fare rumore con un bastone per scacciare eventuali serpenti e bisce. Perché non usare questo accorgimento anche in acqua? Mentre fate il bagno, schiamazzate in maniera molesta rovinando il riposo a tutta la spiaggia. Emettete suoni fastidiosi, possibilmente stridenti e stonati. Il segreto per un successo assicurato? Cantate a squarciagola una canzone di Mika: i suoi falsetti orecchiabili diventeranno sulle vostre labbra scaccia-squali micidiali.

Non date nell’occhio
Buttate pure nella spazzatura quel nuovo bikini fluo che avete appena acquistato. Sbarazzatevi del vostro paio di bermuda del cuore, quello con disegni eufemisticamente poco sobri che raffigurano tutte e sessantaquattro le posizioni del Kama Sutra.
Al mare ci vuole del contegno, soprattutto se le acque sono potenzialmente frequentate da pinne sospette. Le suddette pinne, infatti, sono attratte dai colori accesi e dai disegni che difficilmente passano inosservati, motivo per cui il top sarebbe procurarvi una mimetica. La tintarella potrebbe risentirne, è vero, ma la vostra carne priva di cicatrici da morso ringrazierà comunque.

Mentre vi scrivete i punti salienti di questa Bibbia per shark-fobici, non dimenticatevi di appuntarvi anche l’appuntamento estivo da non perdere: il ciclo Monsters Attack, in onda da giovedì 10 a domenica 20 luglio Sky Cinema Max! Tra Sharknado e Shark Night, i vostri amici squaletti saranno i massimi protagonisti, non temete.
Anzi: temete!