Transformers 4, in Cina è robottoni-mania

Inserire immagine
Transformers 4

Il quarto capitolo della saga è da poco uscito nelle sale italiane, ma ha già fatto sconquassi in Cina, dove il pubblico è in delirio per gli Autobot, tanto che 11 agricoltori hanno lasciato il lavoro per dedicarsi alla loro nuova passione.

Da noi, Transformers 4 - L'era dell'estinzione è da poco uscito nelle sale, ma già si può prevedere che schizzerà subito in cima al box office. In Cina, nel frattempo, il quarto film della saga diretta da Michael Bay ha già segnato un risultato storico (di fatto è il film che ha incassato di più al botteghino cinese) e, soprattutto, ha dato vita a una vera e propria frenesia.

D'altronde, lo aveva già insegnato l'anno scorso Pacific Rim: il mercato cinese è ormai essenziale e strizzare l'occhio al suo pubblico può essere una buona trovata. E infatti quel volpone di Bay ha pensato bene di arruolare in Transformers 4 star cinesi come Li Bingbing e di ambientare alcune sequenze del film a Pechino e Hong Kong. La Cina ha apprezzato. Eccome.

In tutte le principali città cinesi, infatti, è scoppiata una vera e propria Transformers-mania. Ma non solo nelle città: anche le campagne sono uscite di testa. Tanto che, secondo quanto racconta The Hollywood Reporter, undici agricoltori hanno deciso di abbandonare il lavoro per dedicarsi alla loro passione. Ovvero i robottoni.

I mestieranti hanno infatti deciso di dedicarsi alla realizzazione di repliche dei robot protagonisti di Transformers 4, alte oltre dieci metri. Insomma, un hobby che richiede tanto tempo e una grandissima dedizione. Per riuscire nel loro intento, hanno recuperato grossi quantitativi di rottami di automobili, con i quali hanno poi creato i robot. O meglio, le statue, perché i bestioni in questione sono assolutamente immobili.

Ma non si tratta solo di un hobby: il gruppo di novelli imprenditori ha già cominciato a vendere le proprie sculture a esercizi commerciali, shopping mall e via dicendo, che le utilizzano per attirare l'interesse dei passanti. E a quanto pare, stanno già facendo un bel po' di soldi. Insomma: passione sì, ma anche con un occhio al portafogli...